Lo scorso 24 gennaio in alcuni negozi H&M e sul sito del famoso fast-fashion brand svedese è stata messa in vendita la nuova capsule collection frutto della collaborazione con il sempre svedese, ma certamente meno noto brand, Eytys. Nome evocativo e ottimo punto da cui partire per iniziare a conoscere il marchio con sede a Stoccolma. I due fondatori, Max Schiller and Jonathan Hirschfeld, infatti sono nati negli anni ’80 e cresciuti durante gli anni ’90, parte della Generazione Y. Schiller dichiara:

The ’90s influence has never been an intention, but we grew up in that decade. That was when our identities were formed, when clothing and sneakers became important.

Sull’homepage del sito troverete, ad accogliervi, uno splendido televisore a tubo catodico e immagni di modelli/e con abbigliamento nineties.

Schiller e Hirschfeld hanno dato vita a Eytys animati dalla voglia di liberare la loro fantasia e creare quella che nella loro mente avrebbe dovuto essere una robusta scarpa unisex. Il tortuoso flusso creativo produce infine Mother, scarpa icona del brand. Mother è il centro della collobarzione con H&M, ma come nel basket moderno il pivot non è più statico e capace di fare solo alcuni movimenti, così anche l’iconica scarpa viene nella recente collezione declinata in svariate forme.

In this collab we wanted to give the shoes new life. To put them in a context of a concentrated collection with other products

afferma Schiller. Ogni paio di scarpe è venduto all’interno di una scatola appositamente creata dall’artista di origini canadesi, ormai da anni residente a Stoccolma, Zoe Barcza.

H&MLa collezione comprende t-shirt, giubbini, jeans. Il range dei colori è vario ma non esagerato: nero, bianco, beige, giallo, verde. C’è poi il pitonato e il non-tessuto simil pelle verniciato e lucido. Il tutto viene completato con frasi ironiche presenti su alcuni capi. È una linea completa dalla A alla Z che punta molto sulla funzionalità, sulle proporzioni e sui materiali. Quello che subito salta agli occhi è la minimizzazione di ogni differenza di genere. Max schiller, infatti, dichiara:

Unisex design is in our DNA, we do it without thinking. And the reaction is almost always positive. To us the difference between the male body and the female body has never been an issue. Our clothes have a completely different silhouette anyway.

Punto fondamentale della capsule collection è proprio la sua assoluta e chiara volontà di essere genderless, ma anche ageless. Insomma, sia per donna sia per uomo sia per bambino, senza limiti. Una collezione ultra-moderna che risponde ai cambiamenti della società, alla sempre maggiore fluidità di genere e alla sempre maggiore richiesta di funzionalità e comodità. Sempre Schiller afferma:

With this collaboration, we hope to introduce the H&M customer to our design philosophy of robust and fuss-free design where function triumphs embellishment and styles spans genders.

Mentre, Lynda Ross, head of design delle collezioni uomo di H&M, parla della collaborazione in questi termini:

Per noi è fantastico che Eytys abbia uno stile così riconoscibile. La nostra idea iniziale era quella di collaborare a una collezione di scarpe. Dopo un primo scambio di opinioni, abbiamo deciso di creare una collezione completa, includendo abbigliamento e accessori.

I prezzi vanno dai circa 25 euro di una t-shirt ai circa 200 di un paio di scarpe. Il retrò anni novanta con sfumature ultra-moderne vi aspetta.