Anno 1999. L’ultimo anno del XX secolo. In quell’anno nasce ufficialmente l’euro, Michael Jordan si ritira dal basket e La vita è bella di Benigni viene premiata agli Oscar. Il 1999 è stato un anno importante per la musica, tutti volevano far parte di una band o volevano essere un DJ.

In quell’anno, uno sconosciuto Cesare Cremonini con i Lùnapop pubblica …Squérez?, album entrato nella storia della musica italiana. In America i Red Hot Chili Peppers pubblicano Californication, uno degli album più riusciti di sempre.

…Squérez? dei Lùnapop

Abbiamo scelto per voi forse quelli più significativi, perché se li dovessimo elencare tutti non basterebbe un articolo. Potremmo partire proprio da …Squérez? dei Lùnapop. Unico album del gruppo bolognese che aveva come frontman Cesare Cremonini. Tutti almeno una volta abbiamo cantato 50 Special o Qualcosa di Grande. Gli stessi Lùnapop non si aspettavano questo successo. Con Qualcosa di grande vincono perfino il Festivalbar nel 2000 e successivamente riescono a ottenere il disco d’oro.
Squérez? entra ufficialmente nella classifica dei dischi più venduti di sempre in Italia, ma dopo questo grande successo il gruppo si scioglie e ognuno prende strade diverse, anche se quello che ha ottenuto maggior successo è senza dubbio Cesare Cremonini.

…Baby One More Time di Britney Spears

Questo album non ha bisogno di descrizioni. Questo album è senza dubbio storia. Tutti almeno una volta hanno ballato e cantato …Baby One More Time, dagli amanti del rock a quelli del rap. Anche questo, come …Squérez? per i Lùnapop, è stato l’album di debutto di Britney Spears, che oggi conta trenta milioni di dischi venduti, conquistando così il titolo di album pop femminile più venduto di sempre.

Lorenzo 1999 – Capo Horn di Jovanotti

Il decimo album di Lorenzo Cherubini si apre con Per te, brano dedicato alla figlia appena nata. Anche questo diventerà un classico della musica italiana e sarà uno dei dischi più venduti tra quelli del cantante romano. All’interno è contenuta anche la famosa Un raggio di sole, con cui Jovanotti vince il Festivalbar nel 1999.

Californication dei Red Hot Chili Peppers

“Dream of californication, dream of californication”. Quante volte abbiamo cantato questa canzone ai falò? Quante volte abbiamo urlato questo ritornello quando passava in radio? È stato l’album che ha segnato il ritorno ufficiale di John Frusciante all’interno della band. Il gruppo cambia totalmente sound, reincarnando la California e il tema del viaggio. Ascoltandolo viene quasi voglia di partire senza una meta a bordo di una decappottabile cantando a squarciagola Otherside.

L’amour toujours di Gigi D’Agostino

Il 1999 è stato un anno fortunato anche per la musica dance. Questo album ha sfornato pezzi che balliamo ancora tutt’oggi, da L’amour toujours a Bla Bla Bla. Di certo questo è l’album più famoso del disc jockey italiano, con esso ha ottenuto fama in tutta Europa.

Enema of the State dei Blink-182

California, cappello da pescatore, calzettoni bianchi e walkman. Nel nastro suona All the Small Things a tutto volume. I Blink-182 con questo capolavoro del pop punk chiudono il ventesimo secolo. È stato l’album d’esordio del batterista Travis Barker. Chi dimentica il videoclip di What’s My Age Again? quando il trio correva nudo per le strade di San Diego attirando l’attenzione di tutti, oppure il videoclip di All the Small Things dove il gruppo imitava le boy band degli anni novanta?

Microchip emozionale dei Subsonica

«Rolling Stone» questo è uno degli album italiani più belli mai realizzati. L’album passa dall’elettronica al rock. Tutti i miei sbagli, Liberi tutti, Discolabirinto, fanno impazzire tutt’ora nei concerti, basti vedere l’ultimo tour.

Infinito dei Litfiba

Ultimo album in cui appare come frontman Piero Pelù, che si riunirà al gruppo nel 2009. Album dal tratto significante, con esso i Litfiba acquisiscono un nuovo sound, meno aggressivo e più soft. I cambiamenti si notano anche nella voce di Piero Pelù, che appare più delicata, quasi femminea. Nonostante i cambiamenti l’album ottiene un notevole successo vendendo un milione di copie. Da questo sono estratti brani che fanno parte della storia del gruppo come Il mio corpo che cambia e Vivere il mio tempo.

Di certo vent’anni non sono pochi e questi sono solo alcuni album di quell’anno. Quanto è bello avere dei ricordi? Questo è il bello della musica che, nonostante dia la sensazione di sentirsi vecchi, ti fa emozionare e ti riporta indietro nel tempo, facendoti rivivere quei momenti, belli o brutti che siano.