19 gennaio 2019

Abisso

Abisso

Qui dove non sento

il rumore della mia disarmonia

e sono in collisione

le dinamiche astrali della mia pelle.

 

È il mio abisso di miele e catrame

caderci è tutto quello che posso

uscirne è solo parodia.

 

Era meglio ieri

se Ecate mi fissava sorpresa

di riconoscersi

era meglio ieri

o era meglio domani

se il futuro liquido si staglia davanti

e si ripete

si ripete

si ripete.

 


CREDITS

Copertina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *