16 dicembre 2018

La città letteraria: Bagliori a San Pietroburgo di Jan Brokken

La città letteraria: Bagliori a San Pietroburgo di Jan Brokken

Assieme a Connie Palmen, Jan Brokken è l’altro grande astro della letteratura olandese contemporanea. I loro libri sono sugli scaffali di tutte le nostre librerie, soprattutto grazie al lavoro e alla stima che Iperborea ha delle loro opere. Recentemente (agosto 2018) è stato pubblicato il grande capolavoro (ancora inedito in Italia) dello scrittore e viaggiatore olandese: Jungle Rudy.

Jan BrokkenIn attesa della nostra opinione riguardo questa pseudo-biografia letteraria su Rudy Truffino, vi proponiamo la penultima fatica di Jan Brokken: Bagliori a San Pietroburgo, presentato a Milano durante la scorsa edizione di Book City. 

Come intuibile e confermato da Jungle Rudy, gran parte dell’opera di Brokken si incentra sulla biografia letteraria, un genere che tende alla “ricostruzione” delle vite di grandi scrittori in libri che si pongono a metà strada tra saggio e romanzo; d’altronde questa è stata la formula vincente per il primo grande successo di Brokken, Il Giardino dei cosacchi, imperniato sulla vita in Siberia di Dostoevskij.

Bagliori a San Pietroburgo segue la falsa riga tanto cara a Brokken, riuscendo però a distinguersi rispetto alle monografie precedenti dal momento che il libro non ci presenta un unico grande protagonista, se non la città stessa. Quella città che per Dostoevskij e Puškin fu San Pietroburgo, la capitale dell’impero zarista, ma che dai poeti d’argento sarebbe stata chiamata Pietrogrado. La città che il mondo sovietico aveva dedicato a Lenin, Leningrado, e oggi infine, dopo la caduta del muro, è tornata sotto il nome di San Pietroburgo. Tuttavia i suoi cittadini hanno sempre preferito riferirsi alla Venezia del Nord chiamandola Piter (Pietro), un nome dolce, informale e amichevole.

Il libro si basa sul parallelismo tra il primo viaggio di Brokken nel 1975, in quella che ancora era l’Unione Sovietica, e l’ultimo, nella Russia di Putin. Seppur molte cose siano cambiate da quella prima visita (a partire dal nome), basti pensare al massiccio lavoro fatto in occasione dei mondiali di calcio, a Piter sono rimaste impresse, come accadde alla Sindone, gli spettri o meglio le anime dei più fulgidi artisti, da Gogol’ a Rachmaninov, da Čajkovskij a Solzhenicyn. Ma non solo, Pietroburgo è stata anche il teatro di eventi drammatici e al limite del surreale: la finta condanna a morte di Dostoevskij presso le Krepost’ di Pietro e Paolo, l’omicidio di Rasputin, il quale quella notte parve immortale.

ST. PETERSBURG, RUSSIA l Aleksandr Pushkin, one of the greatest Russian literary figures, is commemorated in a sculpture in St. Petersburg.

Durante il suo “pellegrinaggio culturale” Brokken riesce a spiegarci come dietro a ogni angolo Piter nasconda un aneddoto, un miracolo dal sapore tipicamente russo, che non si sarebbe potuto  verificare altrove.

In questo grande mosaico letterario lo scrittore olandese ci accompagna e conduce per mano, scegliendo come epigrafe alcuni significativi versi di Mandel’štam:

«Noi ci rincontreremo a Pietroburgo

quasi avessimo lì sepolto il sole

e per la prima volta parola

sul labbro ci verrà, beata e assurda.»

 


FONTI
Bagliori a San Pietroburgo di Jan Brokken, Iperborea, 2017 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.