C – …chia.

S – Minchia sì.

C – E tu, bene stai?

S – Comu solitu. ‘nu schifu futtutu.

C – Ih, certo ca strana sei. Ca c’hai da camurriarti? C’hai un lavoro, ‘na casa, puri un cani bellissimo c’hai. Ca vuoi di cchiù? U Lucanu?

S – Ceciù, cu ‘sto Lucanu hai scassato la minchia.

C – M’arricordo ancora la pubblicità. E ca vuo’ ca te dica? Vuoi uno zitu?

S – No. Se mi trovo uno zito poi mi trovo puri ‘n autro palu ‘ndo culu. Preferisco evitari.

C – Troppo negativa sei. Troppo sdillusa. Dovresti accuntentarti del lavoro. Come trovare ‘na pepita è oggidì. ‘Na cosa rara, rarissima. Fortunata sei, autro ca cazzi.

S – Ma per quello, nun me posso lamenta’. È per il resto ca sono prioccupata.

C – E pirchì?

S – Ca pirchì e pirchì? Ma li guardi i telegiornali?

C – U munnu sempre schifo fa. Ma da mo’!

S – In ‘sto periodo, più schifu ancora fa. Vogliamo parla’ di quel grannissimo curnutu del ministro degli interni? Del genio della lampata del ministro della saluti? No, mancu con chillo delle infrastrutturi stamo frischi.

C – Eh, ma nui ca ci pottiamo fari se gli ‘taliani si sono vivuti il ciriveddro?

S – Eh, ca ci pottiamo fari?

C – E po’, li vedi come fanno. Stannu tutto ‘l jornu sui telefonini di minchia. A scrolla’ feisbùk, instagràm… Comu s’ acchiamava chillo dell’uccellinu?

S – Twitter.

C – Ecco, Twittér. Ca se pò pretendiri da genti accussì?

S – Ceciù. Abbiamo comenzato a parlari comu du vicchiarielle bisunte.

C – Ah, sì, vero è.

S – E manco cinquantine siamo.

C – Parla pe ttia. Io tra manco deci jorni ‘na donna cinquantina sugno.

S – E ca vuo’ diri? Per autri vent’anni nun ce lo metti u pedi nella fossa.

C – Forsi dovremo aggiornarci puri nuautri. Farici ‘n account feisbùk, comu Mirella.

S – E po’ condividiri le storie?

C – Ca sonu ‘ste storie?

S – Non lo sacciu con precisioni. So solu ca su feisbùk e instagràm ce stanno le storie. ‘Na minchiata, comu tutte le autre. Mirella puri s’è vivuta il ciriveddro cu sto internette.

C – Macari inveci semo nui ad affogari nelle nostre vicchiaglie. Internette è u futuro. Lo so ca ce semo promittute ca non ci saremmo vivute u ciriveddro, ma come tutte le cose macari internette devi aviri qualichi cosa di buono. Nun te scorda’ che chillo è il futuro del munno.

S – Se è il futuro del munnu allora stemo macari più frischi di prima.

C – Ma ddai, Seruzzeddra, nun hai accapito oggi com’è ca gira? Le notizie viaggiano all’istante dall’America alla Cina. Le rivoluzioni puri. Senza videofilmati comu avrebbero fatto a sapiri dell’attacco biochimico in Siria? Senza ‘ntercettazioni, comu avrrebbiro fatto a sapiri di ‘sta grannissima camurria ca è u Berlu?

S – Le ‘ntercettazioni autra cosa sono.

C – Eh, no, inveci so’ parti dell’evoluzioni. Della tecnologia. Guarda lo stisso ministro dell’interno. Tu credi davvero ca quello campava du jorni senza internette? Tutta la campagna elettorali su internette l’ha fatta. Cu i post sugl’immigrati, su’ romm, su’ ‘a presidentessa della Camera.

S – Chiste ca dici nun sugnu belle cose.

C – Lo so ca sono merda futtuta. E pperò è accussì ca se fa, oggidì. Vuo’ diventari presidenti di un paisi? Apriti ‘n account feisbùk e accomenza a sparari minchiate. Vedi ca tutti te vengono addietro.

S – E gli vuoi andare addietro puri tu? Ma se manco cinque minuti fa’ te stavi a camurria’ come a mmia.

C – Le cosi nun so’ bianchi o nivure. Ce sta sempri u mezzu.

S – Marroni, come la merda.

C – Seruzza, ma dimmi: il tuo ciriveddru davvero davvero accussì poco lo stimi?

S – Ca ce trase mo’ comu e quantu stimo il mio ciriveddru.

C – Ci trase, ci trase. Ca sembra ca te vuo’ stari al paleolitico tecnologgico pirchì havi paura di futtiriti u ciriveddru comu a Mirella.

S – Ah! Chista è bona. Mirella sempri scema comu ‘na triglia è stata.

C – E alluri? Basta usari con parsimonia ‘sti telefunini. Abbasta usarili una o du ore al jornu, senza diventa’ cu gli occhi granni comu nu pisci lisso.

S – Ma io non è ca aio paura di rincoglionisirimi. Pensari è comu andari in bicicletta. ‘Na vota che impari, po’ nun te lo scordi cchiù.

C – E, Seruzzeddra, gentilmenti, ca minchia di paura havi tu?

S – Eh, ‘na cosa difficili a diri.

C – E dicimilla. A dirici tutto semo sempre state. Po’ se è ‘na minchiata te lo dico.

S – Come la brava amica che sei.

C – Sempri. Comu quanno hai avuto la geniali idea di ‘mbriacarti peggio di Santuzzo e andare ad acchiamare quel grannissimo strunzo del tuo ecs marito. Chilla è stata ‘na grannissima minchiata, te lu dissi e mo’ te lo arripito: ‘na minchiata sulenni.

S – Ma dovivo dirgli du o tre cosette, a quel cornuto. Non aio ancora accapito pirchì chillo poteva vivirisi la vita spensieratamenti mentre iu a chiangiri petri dovevo sta’.

C – Ca c’entra u chiangiri petri e petri! Tu mica scenate gli dovevi fari. Dovevi mostrarti superiori e sbatterglirisi in facci la tua fica di platino. In amuri vince chi fugge.

S – Superiori, per tutta la vita ci provai. Mo’ mi sono stufata. Dovevo sinceramenti liberarmi il cori dall’enormi pisu che l’aggravava. E dirgli di andare affanculu, lui e quel manico di scopa di Pinuccia, grannissima buttana.

C – Va bbeni, vedu ca cinque anni sono passati, e tu stai ancora ferma lì, a crediri ca havisti ‘na bella pinsata. Andiamo oltre e cangiamo argumento. Mi devi ancora diri pirchì sto profilo proprio non te lo vuoi fari. E po’, t’avverto: sessista sei.

S – Pinuzza mi fa usciri quel filo di misoginia che ancora inculcato c’ho nel ciriveddro. Ma se ci pinso, quanto me veni da strozz…

C – Serù! E basta mo’!

S – Sì, basta, raggione hai. Ca stavamu a diri?

C – E ca è, mo finta di dimenticari fai? O sono le vicchiaglie che t’hanno rincoglionita accussì beni?

S – Ceciù.

C – Dimmi.

S – Va’ affanculu pure tu.

C – Permalosa sei.

S – Trent’anni ca ci conosciamo e ancora non l’havi capito?

C – Forsi più strunza di te sono.

S – Minchia. Te quanno Calò t’ha fatta cornuta poco mancava ca gli abbrusciavi la machina. E po’ mi dici ca la minchiona sono iu ca solu ‘na telefonata di bestemmie ho fatto.

C – Ca c’entra. Quel grannissimo cornutu un figghio nico c’aveva con mia. E po’, addietro alle autre picciotteddre stava, comu uno squallido vicchio ca nun ha ancora accapito ca il suo tempo ha preso la fujuta.

S – Ti devi baciari u culu ca non t’ha denunziata in questura.

C – Ma lui si devi baciari u culu ca io me lo sono tenuto e che gli fazzo la lavatrici tutti i jorni.

S – Alla facci del femminismo.

C – Serù, lui se lo lasci davanti ai fornelli la casa me la abbruscia tutta. E po’, che vuoi farici, l’amuri è accussì.

S – Ti rincoglionisce più delle vicchiaglie.

C – Forsi. O forsi ti spingi ad accettari l’autro, accussì come è. Maschilista, squallido e cornutu.

S – Non prima di avergli fatto pagari il conto.

C – Ah! Quella non fu vendetta! Calò se n’era iuto, Filippé mi faceva nesciri pazza, avevo bisogno di comprensione.

S – Vallo a sapiri che la comprensioni la trovi sbattendoti il figghio del portinaro nella sacrestia.

C – Nun eravamo in sacrestia! Eravamo fora dalla chiesa, in oratorio.

S – Come du picciotti di primo pilo.

C – Tu cangi discorso sulo pirchì ti sei offisa ca io ti ho detto che male hai fatto a chiamari…

S – Volevo solo dimostrariti che anca tu hai avuto le tue belle pinsate.

C – Comu apririsi un profilo feisbùk?

S – Esattamenti.

C – Io non ce l’aio ancora. Faccio spirienza con il telefunino di Filippé. Troppo nico è per internette, lo devo controllari ogni tanto.

S – E nun le hai mai viste le storie di feisbùk?

C – No. Controllo solo i messaggi.

S – E ca è, un gendarme sei!

C – E se un pidofilo gli scrive? Devo vediri chi frequenta.

S – Ma lassalo respirari ‘sto povero figghio.

C – Tu non sai com’è essiri madri. Un colpo al cori ogni cinque minuti di ritardo da scola. Un colpo al cori ogni vota che…

S – Appunto, non lo saio. Ma m’arricordo com’era essere picciotta. Dovresti arricordartelo pure tu. L’unica cosa ca ti deve far prioccupari è ca nun te diventi scemo comu Mirella. Ma mi pari ca con Filippé nun c’è pericolo. Bravo picciotto è.

C – U vidissi? Se pò aviri un profilo feisbùk senza vivirisi i neuroni.

S – Oh, ca rottura di cabasisi ca sei! Mo te lo dico pirchì nun me lo voglio fari. E pirchì manco tu te lo dovresti fari. Hai presenti Salvo, mio nonno?

C – Ca ce trase tu nonno, mo’?

S – Ci trase, ci trase con tutti i pedi e fino al collo. Quello nato nel 1892 era. S’è visto tutto u munnu prima degli anni Cinquanta, anni cruciali.

C – Anni cruciali? Io credevo ca gli anni Quaranta fossero quelli cruciali! Con la guerra, l’Armata Rossa, quei povirazzi inceneriti…

S – Quelli furono solo l’anteprima necessario per il nuovo assetto mondiale.

C – Minchia, Serù, mi sembri una di quelli che non hanno altro da fare per tutto il jorno che amminchiarsi su complotti da ogni parte.

S – Questa, storia è. Ma famme parla’, ca sennò perdo il filo.

C – Parla, strunzeddra, parla.

S – Mio nonno Salvo, spirienza del munno antico ha fatta. Ca quello ca sta scritto sui libri di storia favuso è. La modernità nun arrivò con la borghesia, la rivoluzioni industriali o l’illuminismo. Quelle sempre cosa da ricchi erano. Mio nonno poviro era, in terra ancora cchiù povira. E nun credere ca chisto fosse un problema solo del Mezzogiorno. Di tutto il munno era: i poviri nun contavano nenti. Che fossiro a zappare i campi o a crepari spiccicati dalle machine, sempre meno di zero erano.

C – Vero è. Ma vero anche ca c’erano i socialisti, i sindacati, l’avanguardia intellettuale a lottari in testa a loro. E po’, a un certo punto, puro i comunisti.

S – Sì, ma con tutte le lotte ca facivano, comunque stavano sempre con la merda fino al collo. Erano poviri, mangiavano grasso e un tozzo di pani al giorno. Si sentivano ricchi se ci avevano lo sciccareddu[1]. E po’, fammi il piaciri, lassamo perdere i comunisti.

C – Be’, l’ideale era bello.

S – È l’attuazioni ca lasciava a desiderari. Comunque…

C – Sto zitta, te lo promitto.

S – Logorroica peggio di mia matre sei. Lo so, non ti prioccupari. Comunque, sai che impatto pissicologico aveva tutto questo nelle loro menti? Lo sapevano di essere quasi peggio degli armali. Ca già era tanto se arrivavano a quarant’anni senza crepari per tisi. Lo sapivano beni di essiri alla mercé del duci di turno, o del re, o della classi politica. L’unica cosa ca s’aveva da sperari era di campari almeno con la panza mezza piena.

C – E con ciò?

S – E con ciò pure dopo la Liberazioni mio nonno, che era poviro e gnurante, visse gli anni Cinquanta! Suffragio universale, pure le donne potevano votari. Un lavoro ca non durasse 15 ore alla jornata. Pasta e pane bianco, du vote al jorno. Pure denaro per comprarisi la machina. La pensioni! Capì, che rivoluzioni?

C – L’accapii, pur io mi sono leggiuta i libri a scola.

S – Eh, ma la conseguenze s’hanno da mettirisi beni in testa. Mio nonno, pure se sapiva scrivere a stento il suo nome, le capì beni.

C – Ca?

S – Accapì che le conseguenze pissicologiche gravi erano. Che i suoi figghi s’erano mittuti in testa, viziati da tutto quel benessere, d’essiri importanti. Quando mia matre divorziò da mio patre, capitò che gli venne un infarto al cori. Sai ca le disse? Ca era propio nisciuta scema se davvero cridiva d’averi il diritto d’essiri felici.

C – Ma ca discorso è questo? Ognuno deve almeno provari a essiri felici.

S – Be’, secondo a lui no. Diciva ca dovevano stare insieme pe mmia e Toni, ca eravamo picciriddi. Ca dovevano stare ‘nzemmula pe la famigghia e la reputazioni.

C – Per fortuna ca il munno è cambiato, Serù. Hai davvero nostalgia di sto modo di pinsare della minchia?

S – No, ma la sua intuizione giusta era. Il benessere, la democrazia c’hanno messo a tutti in testa di essere importanti, di contari qualichi cosa. E inveci, nenti contiamo. Gli piaci cridiri, a quei curnuti, ca siccome c’hanno la cittadinanza valgono di cchiù di quei povirazzi ca crepano nel mari. E inveci, sempre comu armali contiamo. Tutti, nisciuno escluso.

C – Favuso è! Tu conti pi mmia. E puro io conto pi ttia, pi mi figghiu, pi mio marito.

S – Sì, ma che contiamo noi per la storia? Per il ministro dell’interno? Nenti. Solu pecore da accalappiare per le elezioni. Ca contiamo per la vita? Nenti.

C – Sempri pessimista sei!

S – Io realista mi sento. E penso ca ‘sti social network hanno solo aggravato ‘na situazioni già molto penosa.

C – Eh, certo! Ca poi la genti si metti in testa ca se fa la storia su instagràm è cchiù importanti.

S – Hai colto il mio pinsero.

C – E ca quindi si illude solo di cchiù di contari qualichi cosa, di essiri qualichiduno, mentre po’, a conti fatti, sempre peggio degl’armali contiamo, no?

S – Né peggio né meglio. Armali siamo, come armali contiamo.

C – Te lo arripeto, troppo negativa sei. Se stai a pensare a queste cose tutto il jorno te credo ca poi te viene voglia di moriri. Queste cose non le devi pinsari. Devi pensare…

S – A ca devo pensare? A quanto sono bravi e belli gli omini? A quanto è bello e pulito il munno?

C – Puoi pensare a Brunilde. Per lei conti moltissimo.

S – Lei ca non si rende conto della merda ca ce piove addosso più fortunata è.

C – Po’, puoi pensare ca almeno sei fica nella foto profilo.

S – E po’ pozzo pensare ca sono fica se ho tanti likes.

C – E certo! Ci pensi ca botta d’autostima?

S – Pozzo puri percepirla come ‘na botta d’autostima, ma sempre sostanza d’illusione è. E tu, dopo tutto quello ca c’è successo in quasi cinquant’anni di vita, ancora l’ingenuità dell’ottimismo hai?

C – ‘Mbareduzza, mica è ingenuità la mia!

S – E ca è allora?

C – Io preferisco acchiamarlo coraggio.

S – Forsi coraggio c’hai. Comunque, sei strana. Mai capita ti ho.

C – Serù, du donne siamo, in un paese di minchia sperduto in Sicilia, in una nazione ca cola a picco, in una società ca si sta a decostruire per i suoi stessi ideali di minchia. Io, sinceramenti, armalo sono, come tu hai detto. E più forti di tutto, gli armali ci hanno l’istinto ca devono sopravviviri. E io voglio sopravviviri. E perciò, devi sprecare frasi e parole e cuncetti prima ca mi levi ‘sto istinto, ‘sta voglia.

S – Voglia di cosa?

C – Di viviri, nonostanti tutto. Basciati le mani ca sei viva, ca c’hai un cane, ca c’hai un lavoro. Ca il sole surge ancora sul mari, ca ancora mangi u pisci, u purpiteddri, la pasta ‘ncasciata. Ca ancora ci sta l’odori del glicine.

S – Come sei poetica Ceciù. Quasi quasi me si stringe il cori.

C – Ah, ma lo so ca macari tu mi pigli pu culu. Ma puro tu senti accussì, ca sennò da vent’anni sotto tre metri di terra stavi.

S – Forsi. Cangiamo discorso, va’, ca sennò troppe emozioni.

C – Di ca vuoi parlare mo?

S – Di Trump.

 

 

[1] Asino.

 


CREDITS

Copertina