16 dicembre 2018

Porsche Design: il business globale di un marchio mondiale

Porsche Design: il business globale di un marchio mondiale

C’è a chi piace viaggiare e a chi piace il posto fisso tre mesi a Riccione, c’è chi si compra un Cayenne e chi acquista il mito di Porsche Design. La differenza è molto sottile: il primo ha quattro ruote, inquina, e la spesa per un pieno è pari al debito pubblico dell’Angola; il secondo si è ormai consolidato negli anni come un’icona di stile e di design, che combina praticità e linea accattivante in un unico prodotto. Il tutto (quasi) a chilometri zero.

Facciamo un passo indietro. Il “progetto” nasce nel 2003 con lo scopo di creare un punto di contatto tra le linee sportive, pulite e precise applicate da Porsche AG all’automobilismo e la produzione di accessori di lusso da parte del gruppo Porsche: la sede del progetto è Ludwigsburg, in Germania, il luogo dove partono le idee che raggiungono le centinaia di punti vendita dislocati in cinque continenti (a Milano c’è un bellissimo store in Via della Spiga, a due passi dal Duomo).

Cosa produce? Un po’ di tutto, accessori perlopiù, ma anche una piccola linea di abbigliamento di nicchia. Volete andare in vacanza? Ci sono le valigie, ma anche le giacche e la pelletteria. Siete in partenza per un viaggio di lavoro? Ci sono i PC, le ventiquattrore e porta-badge. Avete del tempo libero? Ci sono le cuffiette e gli occhiali da sole. Persino se siete appassionati di orologi, come me, potrete trovare pane (non economico) per i vostri denti. Avvalendosi anche di preziose collaborazioni (una su tutte, quella con la casa di alta orologeria tedesca IWC), la riuscita del brand come sinonimo di qualità si è ormai affermata: ma quanto conta il design?

È quello che si paga, e profumatamente. Il cuore del business, qui, risiede tutto nella tecnica di marketing applicato ad uno stile conosciuto (e riconosciuto): il lusso di Porsche e tutto ciò che ne deriva, con il marchio da un lato e gli acquirenti dall’altro, in una strana trazione integrale che perdura -alla luce del fatturato- anno dopo anno.

 

FONTI:

Porsche Design Sito Ufficiale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.