12:10 pm
19 ottobre 2018

Karina Farek e i Millennials

Karina Farek e i Millennials

Karina Farek è una vignettista che collabora con alcune delle più famose community del web: CollegeHumor e BuzzFeed. I contenuti di queste piattaforme sono molto condivisi per cui è impossibile che, anche senza sapere chi sia questa vignettista ventitreenne del Texas, non abbiate mai visto una sua vignetta!

I temi trattati da Karina Farek riguardano la quotidianità femminile e varie stories originali che si trovano sul suo profilo Tumblr (@dilfosaur). Molto diffuse sono state le strisce sulla vita di coppia e la differenza tra Lust Vs Love, oltre agli iconici 1st Day Vs101st Day che raccontano dell’ambiente lavorativo. La giovane vignettista, di recente, ha pubblicato altre strisce per dimostrare che i luoghi comuni sui millennials non rispecchiano la realtà. Questa realtà non è quella del perenne bambino viziato o del dipendente dallo smartphone e dai social, ma – ad esempio – la difficoltà di trovare un lavoro:

Come la gente pensa che i millennials siano: Non lavoro perché sono un artista

Come sono realmente: Lavoro come tirocinante non pagato perché molti lavori richiedono una vasta esperienza che non ho modo di ottenere.

Altre vignette toccano il tema della sanità (che non viene assicurata dal datore di lavoro) o del femminismo percepito estremista quando in realtà la richiesta è semplicemente quella di essere rispettate. Un chiaro riferimento al luogo comune per cui i millennials ”hanno tutto” è stato fortemente criticato con la fatidica domanda di percepire uno stipendio.

Karina Farek ha condiviso molte illustrazioni per celebrare l’amore omosessuale e nella serie dei millennials ha trattato anche il non riconoscimento dell’essere transessuali:

Come la gente pensa che i millennials siano: Voglio essere trattata come il delicato fiore che sono

Come sono realmente: Voglio solamente essere accettata.

Se vuoi leggere un articolo su un vignettista italiano Nives, qui il link.


CREDITS
Copertina
Immagine 1
Immagine 2
[/one_half_last

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.