02:48 am
17 ottobre 2018

Otello e Desdemona di Chagall ritrovato dopo 30 anni

Otello e Desdemona di Chagall ritrovato dopo 30 anni

Riesce a rubare un quadro di Chagall, ma la tela è troppo famosa per essere venduta.

Sembra assurdo, ma è successo veramente, e alla fine il ricettatore è stato costretto a consegnarsi all’Fbi a causa di questo suo insuccesso.

Si tratta dell’opera Otello e Desdemona, dipinta da Marc Chagall nel 1911 e appartenente ai coniugi Hellers di Manhattan, che lo avevano acquistato negli anni Venti per esporlo nella loro ricca dimora.

Il quadro è stato rubato ai proprietari nel 1988 dal loro appartamento, quando, di ritorno da una vacanza, gli Hellers hanno scoperto la mancanza di una serie di oggetti di valore per un totale di circa 600 mila dollari.

Tra gli oggetti sottratti dal ladro, un operaio della manutenzione, manca anche il celebre quadro, valutato in un’asta del 1974 tra i 50 e i 65 mila dollari.

L’opera d’arte mostra l’Otello di Shakespeare che tiene in mano una spada mentre volge lo sguardo verso la sua sposa Desdemona, che si trova sdraiata su un letto.

Nonostante le numerose ricerche, attuate negli anni successivi al furto al fine di ritrovare il quadro scomparso, dello stesso se ne erano perse le tracce, fino al 2017, quando il ladro cercò nuovamente di piazzare il quadro recandosi da un gallerista di Washington. Quest’ultimo rifiutò di acquistare l’opera per la mancanza dei documenti riguardanti l’attestazione dell’autenticità e, intuita la situazione che gli si era presentata, consigliò al ricettatore di recarsi all’Fbi.

Si giunge così al ritrovamento dell’opera dopo ben 30 anni in cui questa era stata conservata e nascosta nella soffitta del ladro, nel Maryland, all’interno di una scatola in cui era stata apposta la scritta opere scolastiche.

Ritornata l’opera in mano agli eredi dei coniugi Hellers, questi hanno dichiarato di voler vendere l’opera per poter, con il ricavato, rimborsare l’assicurazione, e devolvere il restante denaro ad organizzazioni no profit.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.