Il 27 Gennaio 2018 è mancato Ingvar Kamprad, meglio noto come Mr. Ikea. Se forse il nome del fondatore è, infatti, ai più sconosciuto, di certo non lo è quello dell’azienda. La filosofia sulla quale Kamprad ha basato il suo impero è molto semplice: togliere sempre qualcosa. Ha tolto il montaggio, poi ha rimosso lo spazio in eccesso nelle confezioni, ha eliminato le componenti troppo costose come i legni pregiati, togliendo pian piano ogni fronzolo dal design dei suoi mobili, che ha lasciato ridotti all’essenziale.

Grazie a queste idee semplici ma fondamentali per il mercato, Ikea ha avuto enormemente fortuna, tanto da essere nota a chiunque e annoverare tra i propri clienti, se non proprio tutti, di certo una gran fetta di popolazione. Alcuni dei mobili di questo brand si può dire abbiano fatto la storia dell’arredamento low cost, quindi, in occasione della scomparsa del suo fondatore, proponiamo la classifica con gli otto mobili Ikea più venduti di sempre.

1. Billy, la libreria

Secondo il New York Times si vende una libreria Billy ogni dieci secondi. Questo modello nato nel ’79 dalla mente di Gillis Lundgren, racchiude in sé tutto ciò che il marchio vuole esprimere, infatti è pratica, di facile assemblaggio e alla portata di tutti. Grazie alla varietà di colori, alla possibilità di assemblare i moduli secondo le proprie esigenze (rendendola più o meno alta o larga) e di mettere o meno le ante questa libreria racchiude un’infinità di modelli in uno solo, rendendosi adatta a tutti.

2. Poäng, la sedia

Questo oggetto è diventato un caso nella storia dell’arredamento low cost, perché col passare degli anni il suo costo è sceso sempre più, ma, contrariamente a come sarebbe più naturale pensare, la sua qualità è migliorata. Si può dire che questa seduta sfidi da sola i cliché del fast&cheap. Questo pezzo, disegnato nel ’78 da Naboru Nakamura, si stima venga venduto ad un milione e mezzo di persone ogni anno.

3. Malm, il letto

L’idea dietro questo letto è quella di nascondere una specie di ripostiglio sotto le doghe. Sicuramente è stato pensato per le coppie che vivono in appartamenti piccoli, così da permettere loro di recuperare tutto lo spazio possibile. Il risultato mostra un letto elegante nella sua estrema semplicità, sotto il quale può celarsi un mondo: con l’ausilio di ceste di varie dimensioni è possibile organizzare lo spazio come si preferisce.

4. Kallax, lo scaffale

Evoluzione del compianto modello -ormai fuori produzione- Expedit, questo mobile si presenta più snello e robusto. Come il predecessore è facilissimo da montare e si può dire che abbia soppiantato le classiche librerie e i mobili per le televisioni. Adatto ad un uso sia verticale contro la parete che laterale per fare divisorio tra due ambienti, grazie all’aggiunta di rotelle, cesti, sportelli e altri accessori può essere trasformato a piacimento e venire utilizzato in svariati modi.

5. Tejn, il tappeto

Questo tappeto soffice e peloso si propone come un richiamo alle pelli di pecora o agnello- che spesso completano l’arredamento nelle case scandinave-, ovviamente con la differenza di essere ecologico e cruelty-free. L’uso che se ne può fare è vario: oltre che lo scontato pavimento, può ornare sedie, divani e letti rendendoli più accoglienti. Oltre che rientrare nella classifica dei pezzi Ikea più venduti, vanta anche una folta lista di imitazioni, riuscendo comunque ad essere il migliore nel rapporto qualità prezzo.

6. Lack, il tavolino

Probabilmente chiunque almeno una volta nella vita si è imbattuto in questo tavolino, forse il più famoso del mondo. In questo oggetto si sublima la strategia flat pack dell’azienda: è infatti composto da un piano, quattro gambe e altrettanti tasselli con cui avvitarle. Grazie ai diversi colori e finish disponibili, dal ’79 questo piano d’appoggio resta tra i prodotti iconici del brand svedese.

7. Doksta, il tavolo

All’apparenza questo tavolo ricorda Tulip di Eero Saarinen, col vantaggio di essere molto più abbordabile, concedendo a tutti il lusso di avere un pezzo di design nella propria cucina. Con le sue linee molto semplici è perfetto in qualsiasi tipo di ambiente, da quelli più classici a quelli moderni.

8. Ektorp, il divano

Potrebbe essere lo stereotipo di divano, perché con i suoi cuscini imbottiti e la seduta profonda rappresenta l’idea tipo di sofà. Le forme classiche, ma al contempo country chic lo hanno reso un divano elegante, confortevole e privo di fronzoli. Con gli anni si è guadagnato la fama di prodotto più indistruttibile di Ikea, per merito del suo telaio, delle fodere asportabili e dei cuscini reversibili.