Chi l’avrebbe mai detto che Carly Rae Jepsen avrebbe potuto farci provare queste forti emozioni? Quando ha esordito nel 2008, con Tug of war, non era ancora nota al grande pubblico, mentre il successo è arrivato solamente nel 2011, con la pubblicazione del singolo Call me maybe, che sarebbe poi confluita nell’album Kiss sotto l’etichetta Interscope.

Caratterizzate da un’atmosfera accattivante e tipicamente pop, da un testo giovane e da un target ben definito, le canzoni della 31enne canadese hanno presto raggiunto fama internazionale grazie alla loro semplicità e alla loro grande musicalità. Chi di noi non ha passato interi pomeriggi a canticchiare nella testa il ritornello ridondante di I really like you?

Eppure, come spesso accade con i grandi artisti, Carly ha saputo sorprendere ancora. Il 17 giugno 2017, in una serata di gala presso la Roy Thomson Hall, nel centro di Toronto, si è esibita in una performance molto elegante e musicalmente perfetta insieme alla celebre Toronto Symphony Orchestra. Non è insolita, a livello musicale, l’unione del pop con la musica classica, ma bisogna ammettere che fa davvero uno strano – e interessante – effetto sentire Call me maybe o altri successi suonati da una delle orchestre più famose del mondo, insieme alla voce inconfondibile di Carly Rae Jepsen.

A livello di promozione, la cantante canadese non intraprende un tour dal 2013, quando stava promuovendo l’album Kiss. Non sembra che Carly Rae Jepsen abbia in progetto nuove fatiche, ma se così fosse, il successo riscosso con il concerto di Toronto potrà essere senza dubbio una buona base per avviare un percorso vincente.

In rete stanno circolando numerosi video dell’esibizione presso la Roy Thomson Arena, nonostante sembra fosse stato vietato di realizzare riprese all’interno della struttura. Non resta che rilassarsi, prendersi qualche minuto di tempo libero e gustarsi queste canzoni con la loro insolita atmosfera classica.

 


Fonte:

Credits: