01:25 am
21 maggio 2018

Bitcoin, la moneta virtuale apre il suo negozio in Trentino

Bitcoin, la moneta virtuale apre il suo negozio in Trentino

A Rovereto (Trento) apre un negozio mai visto in Italia, un negozio dedicato alle criptovalute, più in particolare ai Bitcoin. Il negozio si chiama Comproeuro e opera attraverso una sorta di scambio: si portano gli euro e si ricevono Bitcoin al cambio attuale (1 Bitcoin corrisponde a 14.502,42 euro).

Ma la domanda che si pongono tutti è: Cosa sono i Bitcoin?
I Bitcoin sono una moneta virtuale, che, perciò, non possiede un supporto fisico (non ci sono banconote o monete); al momento non è riconosciuta in nessuno Stato e per questo le transizioni non sono illegali ma allo stesso tempo non sono tutelate da alcuna legge. Il Bitcoin è nato a cavallo tra 2008 e 2009. Questi si basano sul concetto di scambio di merce attraverso la criptovaluta e poter ricevere contropartite in merci. Non è la prima ad essere stata ideata, ne esistono delle altre come Litecoin, Sardex, Blue e Grey Dolar. Tutte le transizioni sono registrate sulla Blockchain, un libro pubblico, aperto al controllo di tutti ma protetto in modo che non possa essere modificato nei suoi dati: il Bitcoin è un sistema autogovernato, in cui nessuno può prendere il controllo ma allo stesso tempo esso invita alla partecipazione di chiunque. Il sistema di controllo delle transizioni consiste nel fatto che ogni transizione ottenga l’approvazione di almeno il 50% dei partecipanti al Blockchain.

Ritornando al negozio, l’idea di aprirlo è venuta a Inbitcoin, un’azienda trentina (non a caso il Trentino è chiamato anche Bitcoin Valley) che sviluppa prodotti e servizi sull’dea di Satoshi Nakamoto (l’inventore della criptovaluta). Inbitcoin è molto famosa nella regione poiché fu ideatrice di particolari bancomat che permettono agli utenti di poter ricaricare la card di criptovaluta inserendola nella fessura dei contanti al posto della carta di credito. Il negozio per ora si limita a vendere gadget e bitcoin-card del valore massimo di 100 euro (rispetto alla valuta attuale è molto poco), inoltre questa propone anche servizi di consulenza per formare all’utilizzare i Bitcoin.

Se Bitcoin diventerà una valuta regolata da una legislazione, Comproeuro potrebbe diventare una sorta di cambiavalute dove chiunque potrà acquistare Bitcoin a norma di legge, anche se, per ora, come è già stato esposto, questa legge non esiste. Nonostante non ci sia ancora una legge, la regolamentazione per l’utilizzo dei Bitcoin è molto precisa: per acquistare più di 50 euro della valuta digitale ci si dovrà registrare con un documento valido, in più è previsto un limite all’approvvigionamento per singola persona. 

Il negozio è gestito da Bmanity s.r.l. una start-up diretta da Federico Mondo, fondatore della rete di imprenditori NUIT; la nuova impresa prevede la partecipazione di alcuni commercianti e bitcoiner della zona. Il pubblico è vario: secondo le previsioni, presto si potrà pagare la consumazione al bar o il pieno di benzina, o lo stipendio dei dipendenti. Nel comprensorio della Vallagarina i genitori pagavano la mensa scolastica dei figli attraverso la criptovaluta, per oltre diecimila studenti: caso unico in Italia di amministrazione che affida i pagamenti ad una moneta virtuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *