08:01 am
24 aprile 2018

Il mito e l’epica nei romanzi per ragazzi #4 – Clare

Il mito e l’epica nei romanzi per ragazzi #4 – Clare

I romanzi di Cassandra Clare hanno un pubblico vastissimo di ammiratori, qualche detrattore – com’è giusto che sia – e un’altra fetta di possibili lettori che sanno della loro esistenza ma per un motivo o per l’altro non hanno ancora cominciato a leggerli.
Il segreto di questo esorbitante successo sta forse nella prolificità dell’autrice – a molti piace poter riprendere in mano personaggi familiari in situazioni nuove, osservare percorsi di crescita, seguire intrecci complessi – forse nel riproporsi di dinamiche consolidate – quasi sempre un triangolo amoroso, un nemico sfaccettato, una ricerca o una missione da portare avanti -, forse ancora nel pozzo di tradizione letteraria a cui la Clare attinge.

L’universo degli Shadowhunters è infatti popolato da svariate creature sovrannaturali: lupi mannari, vampiri, stregoni e fate, forse i più scontati e abusati esseri magici di sempre, ma anche angeli, demoni e Nephilim.
Questi ultimi sono la progenie di Jonathan Shadowhunter, che per primo ha bevuto dalla Coppa Mortale il sangue dell’Angelo Raziel; sono creature un gradino sopra agli uomini comuni, dotati di capacità straordinarie e al mondo con lo scopo di liberare l’umanità dalla piaga dei demoni.
Dalla loro hanno anche un’altra dote eccezionale: la possibilità di fregiarsi di rune del potere che ne esaltino le già sviluppate abilità.

Si è nominata l’eccezionale prolificità della Clare: ha infatti pubblicato decine di romanzi, alcuni anche a più mani.
Città di ossa (2007), Città di cenere (2008), Città di vetro (2009), Città degli angeli caduti (2011), Città delle anime perdute (2012), Città del fuoco celeste (2014): questa prima serie (The Mortal Instruments) segue le avventure di Clary Fray e Jace Wayland, Nephilim newyorchesi alle prese con una vecchia minaccia per l’organizzazione del mondo dei Nascosti e degli Shadowhunters.

L’angelo (2011), Il principe (2012) e La principessa (2013) sono i tre volumi della saga ‘The Infernal Devices’ (‘Le origini‘ in italiano), sono ambientati nella Londra di fine ‘800 e trattano le avventure di Tessa Gray, Will Herondale e Jem Carstairs.

Signora della Mezzanotte (2016), Signore delle Ombre (2017), The Queen of Air and Darkness (previsto: 4 dicembre 2018) sono i tre volumi della saga The Infernal Devices (ancora da completare), ambientata a Los Angeles cinque anni dopo la fine del ciclo The Mortal Instruments e che segue da vicino le vite di Emma Carstairs e Julian Blackthorn.

In Italia sono editi anche altri volumi – spin-off e raccolte di racconti – su alcuni dei personaggi secondari più interessanti, uno su tutti lo stregone Magnus Bane.

La forza di queste saghe sta proprio nella tentacolarità dell’universo plasmato dalla Clare; eventi separati da decine di anni e migliaia di chilometri concorrono a tratteggiare un unico quadro generale. E’ proprio questa complessità ciò che distingue questi volumi da decine di altri Young Adult in circolazione; non esiste la pretesa di propinare al pubblico un qualcosa di scadente, che sminuisce la sua intelligenza.
Ovviamente non si tratta di un capolavoro letterario, ma è comunque di molto sopra la media dei soliti romanzi per ragazzi.

In questo caso il rimando alla mitologia non è un elemento preponderante delle trame come poteva esserlo nelle opere di Rick Riordan (ne abbiamo parlato qui): si tratta solo di una leva per ampliare e sviscerare in modo personale un terreno già noto. Per gli amanti del genere, però, ci sono alcune chicche che denotano la cultura della Clare al riguardo, una su tutte il riferimento alla Caccia Selvaggia – cavalieri fatati che ingrossano le proprie fila sui campi di battaglia.

La Clare si rivolge ad un pubblico più adulto e consapevole rispetto agli altri autori citati in questa rubrica, ma non per questo non si tratta di una lettura adatta e di qualità per chi ama già il fantasy, o per far appassionare gli adolescenti al mondo della lettura.
Dalle sue opere sono stati tratti anche un film (Shadowhunters – Città di ossa) e una serie tv.


 

FONTI

Wikipedia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *