10:11 pm
23 settembre 2018

La Clean Clothes Campaign denuncia: lavoratori sfruttati anche in Europa

La Clean Clothes Campaign denuncia: lavoratori sfruttati anche in Europa

La Campagna Abiti Puliti è la sezione italiana della Clean Clothes Campaign (CCC), una rete di aiuto che si batte per garantire dignità, salari adeguati e idonee condizioni di salute ai lavoratori di tutto il mondo che operano nel settore tessile, dell’abbigliamento e delle calzature; nel frattempo realizza anche delle campagne per rendere più consapevoli i cittadini riguardo a queste tematiche. Al momento conta 17 collaborazioni con altrettante coalizioni europee, alle quali si aggiungono quelle con Stati Uniti, Canada e Australia.

In un report pubblicato lo scorso 15 novembre, la CCC denuncia le terribili condizioni in cui sono costretti a lavorare i dipendenti di grandi marchi: salari insufficienti, condizioni di lavoro pericolose, straordinari forzati. Il rapporto è intitolato Europe’s Sweatshop- L’Europa dello sfruttamento: quando ci parlano di maltrattamento dei lavoratori siamo subito portati ad immaginarci i grandi capannoni stipati di operai in Cina o India, a migliaia di kilometri da noi; con una presuntuosa sicurezza riteniamo che l’Europa sia immune da questi fenomeni. Purtroppo, a volte ci sbagliamo.

Rapporto tra salari minimi e salari effettivi nei paesi dell’Est Europa

 

I paesi chiamati in causa sono principalmente quelli dell’Est e Sud-Est Europa (Ungheria, Ucraina, Slovacchia e Serbia), in cui più di 1,7 milioni di operai vengono quotidianamente sfruttati nelle fabbriche di marchi celebri come Geox, Benetton, Esprit, Vera Moda e Triumph. Le ingiustizie riportate dalla CCC sono molteplici: salari mensili che a malapena raggiungono il limite minimo consentito dalla legge e comunque insufficienti per garantire un sostentamento dignitoso (in Ucraina la paga minima deve essere di 89€, per sopravvivere ne sarebbero necessari almeno 438€). Un’operaia racconta:

“A volte semplicemente non abbiamo niente da mangiare”

Inoltre i lavoratori sono costretti ogni mese a raggiungere determinati obiettivi di produzione, anche a costo di effettuare pesanti straordinari, i quali comunque non permettono loro di guadagnare a sufficienza. Come è facile immaginare la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori non sono tra le prime preoccupazioni dei dirigenti di queste fabbriche. I dipendenti sono costretti a lavorare in condizioni pericolose, potenzialmente dannose per la salute e antigieniche, esposti a calore o sostanze chimiche tossiche.

In questo video sono riportate le interviste a diversi dipendenti Geox in Serbia che raccontano in prima persona qual è e quale è stata la loro quotidianità per mesi (orari e ritmi massacranti, pressione psicologica, lavoro in nero, firme a contratti retrodatati, licenziamenti da un giorno all’altro, senza preavviso). Dura 10 minuti, guardatelo, ne vale la pena.

Leggere ed informarsi è sicuramente utile, ma vedere i volti di chi certe situazioni le sua vissute sulla propria pelle rende tutto più reale, più concreto, rende veramente più consapevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.