05:50 am
18 febbraio 2018

Jackie Shane, storia di una soul transgender

Jackie Shane, storia di una soul transgender

Nonostante si sia ritirata dalle scene nel lontano 1971 e non si sia più parlato di lei per oltre 45 anni, la sua voce rimane un cult per tutti gli appassionati di musica soul e di rhythm and blues.

Stiamo parlando di Jackie Shane, una cantante nera, nata a Nashville, in Tennessee, nel maggio 1940. La sua carriera comincia all’inizio degli anni ’60 quando decide di trasferirsi in Canada e una sera, quasi per caso, all’Esquire Show Bar di Montreal viene invitata sul palco dove si sta esibendo Franck Motley con la sua band.

È l’inizio di tutto. Per circa dieci anni, Jackie Shane solca i palchi di tutto il Canada ottenendo un ampio successo, principalmente nelle città di Montreal e Toronto. Tra le sue hit di maggior successo è possibile citare Money (that’s all I want), realizzata nel 1962, Any other way e Stand up straight and tall.

La voce calda e appassionata della cantante statunitense diventa ben presto una colonna portante della musica soul, anche se non al livello di artiste come Etta JamesElla Fitzgerald, le quali senza dubbio riscuotono maggior successo e raggiungono una fama internazionale.

Ma Jackie Shane si fa notare, e riesce a ritagliarsi il suo spazio all’interno del mercato musicale americano.

Il nome di Shane è però legato anche ad un altro fatto, e l’interesse che la sua biografia sta riscuotendo in questi ultimi anni è senza dubbio figlio di questa tematica: Jackie Shane è una transgender nera.

La sua identificazione sessuale è sempre stata ambigua ed ha portato ad ampie discussioni tra i critici musicali. In particolare, questo è legato al periodo in cui lei opera e ha luogo la sua carriera, tant’è che la legislazione canadese non prevede una legge sulla discriminazione sessuale almeno fino al 1969.

Jackie Shane non si è mai espressa e non ha voluto entrare nei dettagli della discussione. Rimane il fatto che la sua voce, intrigante e soul, è ormai un elemento importante dello storico rhythm and blues.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *