A soli 6 sei anni dal loro scioglimento, i R.E.M. fanno ancora parlare di sè, perchè Automatic For The People, capolavoro della loro discografia e ritenuto dai più un capolavoro della musica mondiale, viene ristampato in occasione dell’anniversario della sua uscita.

Esattamente 25 anni fa, il 5 ottobre 1992, veniva pubblicato l’ottavo album in studio, un anno dopo il trionfo di Out Of Time. Questa riedizione si presenta su due CD o in un veste Deluxe con 4 CD, nei quali è incluso tutto l’album rivisitato in Dolby Atmos (tecnologia audio surround), con 20 demo inedite e 13 tracce del concerto ad Athens, svoltosi allo scopo di raccogliere fondi destinati a Greenpeace.

Automatic For The People è un successo senza tempo. Durante gli anni 90, quando i suoni diventano più distorti che mai ed il grunge si impone nelle classifiche musicali, i R.E.M. decidono di discostarsi da queste melodie per comporre un album dal sound più acustico e tenere un suono più pulito, rispetto allo stampo rock che si voleva adottare all’inizio. Per curare gli arrangiamenti e gli archi presenti nei brani vennero affiancati da John Paul Jones dei Led Zeppelin e Knox Chandler degli Psychedelic Furs.

I brani hanno testi molto analitici e riflessivi, che ruotano attorno a temi cupi, come la morte e le riflessioni scaturite dal confronto con essa, ma anche attorno a temi presi dal quotidiano.

In Try Not To Breathe si parla di un anziano che chiede di ”non respirare”, poichè è consapevole del suo destino e, rasserenato dal fatto di aver condotto una vita piena, chiede alla sua amata di ricordare i suoi occhi.

Mentre in uno dei singoli più famosi dell’album, Everybody Hurts, il cantante Micheal Stipe esorta a tenere duro ed aggrapparsi agli amici, rivolgendosi ad un ragazzo che pensa di farla finita.

Nel disco entra anche la politica e Ignoreland parla proprio di questo. In questa traccia i R.E.M. criticano la situazione politica americana di allora, di cui era a capo prima Ronald Reagan e successivamente George H. W. Bush. È il brano dove si ha un utilizzo maggiore della distorsione degli strumenti a corda, dalle sfumature punk tanto care a Stipe, dai toni accesi e che puntano il dito verso un governo inetto.

Si parla di relazioni complicate e sesso in Star me Kitten, per poi tornare però su temi più cupi. In Sweetness Follows si parla di un giovane che deve affrontare la morte dei genitori, dando origine a riflessioni sulla memoria e sulla consapevolezza che gli affetti, prima o poi, possano venir meno.

Compaiono anche brani che rendono omaggio a figure molto care al gruppo, come Man on the Moon, omaggio a Andy Kaufman, famoso e geniale attore e interprete dell’anti-humor degli anni ’60, deceduto per un cancro ai polmoni, ma solo dopo aver lasciato un segno indelebile nella storia dello spettacolo statunitense; o come Monty Got a Raw Deal, struggente dedica a Montgomery Clift, il famoso attore e sex symbol che vide la propria carriera segnata proprio all’apice del successo da un incidente automobilistico che gli rovinò il viso, cadendo poi in uno stato di depressione acuita dalla dipendenza da alcool.

I saw you buried in the sand…
…I saw you strung up in a tree

Sono presenti anche canzoni più poetiche e dai temi più sereni, come la bellissima Nightswimming, che tratta il periodo dell’adolescenza e dei ricordi legata ad essa, cedendo però poi il passo a riflessioni sul tempo passato e ormai perduto.

Mentre Find The River è una canzone di buon auspicio, scritta per esortare l’ascoltare a trovare la strada della propria vita.

Queste ed altre canzoni arricchiscono il disco: le demo presenti sono vere e proprie versioni alternative delle tracce originali, ci sono inediti mai pubblicati e, come già detto ad inizio articolo, il live di Athens (Georgia, USA) svoltosi il 19 Novembre 1992. Un vero capolavoro ed una riedizione molto interessante per riascoltare canzoni che hanno segnato la musica degli anni ’90, nelle sue versioni alternative e dal vivo.

“Ai nostri Fans e Amici: Come R.E.M, e amici e complici di una vita, abbiamo deciso di chiudere baracca come band. Ce ne andiamo con un grande senso di gratitudine, conclusione, e meraviglia per quello che abbiamo ottenuto. A chiunque si sia mai sentito toccato dalla nostra musica, il nostro grazie più profondo per averla ascoltata”

E direi che il ringraziamento va anche a loro, per aver prodotto musica così vera da non farci sentire soli e per aver dato eco alle nostre incertezze.

Tracklist:

CD 1: Automatic for the people
1. Drive
2. Try Not To Breathe
3. The Sidewinder Sleeps Tonite
4. Everybody Hurts
5. New Orleans Instrumental No. 1
6. Sweetness Follows
7. Monty Got A Raw Deal
8. Ignoreland
9. Star Me Kitten
10. Man On The Moon
11. Nightswimming
12. Find The River

CD 2: Athens, Georgia, 19 Novembre 1992
1. Drive
2. Monty Got A Raw Deal
3. Everybody Hurts
4. Man On The Moon
5. Losing My Religion
6. Country Feedback
7. Begin The Begin
8. Fall On Me
9. Me In Honey
10. Finest Worksong
11. Love Is All Around
12. Funtime
13. Radio Free Europe

CD 3: Automatic Demo
1. Drive
2. Wake Her Up (The Sidewinder Sleeps Tonite)
3. Mike’s Pop Song
4. C To D Slide 13 (Man On The Moon)
5. Cello Scud (Sweetness Follows)
6. 10K Minimal (Find The River)
7. Peter’s New Song
8. Eastern 93111
9. Bill’s Acoustic
10. Arabic Feedback (Fruity Organ)
11. Howler Monkey (Ignoreland)
12. Pakiderm
13. Afterthought
14. Bazouki Song (Monty Got A Raw Deal)
15. Photograph
16. Michael’s Organ (Everybody Hurts)
17. Pete’s Acoustic Idea
18. 6-8 Passion & Voc (Try Not To Breathe)
19 . Hey Love (Star Me Kitten)
20. Devil Rides Backwards (Big Talk)

CD 4: Blu-Ray (Mix & Video) con Dolby Atmos
1. Drive
2. Try Not To Breathe
3. The Sidewinder Sleeps Tonite
4. Everybody Hurts
5. New Orleans Instrumental No. 1
6. Sweetness Follows
7. Monty Got A Raw Deal
8. Ignoreland
9. Star Me Kitten
10. Man On The Moon
11. Nightswimming
12. Find The River
13. Photograph