03:08 am
25 novembre 2017

Compagni di Sventura

Compagni di Sventura

Un vuoto,

Una voragine nel petto.

Non c’è battito dietro lo sterno.

Non c’è piú niente.

Solo il nulla.

Ho perso l’anima,

Lungo la strada;

Mi trascino come uno zombie.

Vado a caccia di emozioni

Che non ho piú:

Provo a rubare un po’ di vita

Agli altri, come un parassita.

Ma quello che prendo

Non è mai la felicità.

Accumulo solo rabbia,

Paura,

Rancore …

Tutti

Pensano che io sia

Pazza, terribile, crudele.

Mi evitano,

Relegandomi al mio mondo

Di fantasmi e cose spezzate.

Vorrei piangere,

Ma le lacrime non seguono i singhiozzi

E non riesco a respirare,

In tutto questo buio.

 

Allora dal tuo buio

Arrivi tu.

Arrivi per salvarmi, ancora.

Arrivi per salvarmi, sempre.

Mi abbracci,

Compagno di sventura.

Respiro.

E dietro lo sterno di entrambi

C’è una pulsazione.

 


CREDITS

copertina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *