Dal 3 novembre in libreria, Sai fischiare, Johanna? di Ulf Stark e Greta Grintosa di Astrid Lindgren; da fine mese anche Il meraviglioso viaggio di Nils Holgersson di Selma Lagerlöf. Si tratta dei primi titoli della nuova collezione di Iperborea; una collana pensata «per giovani lettori avventurosi, liberi e indipendenti». Dopo trent’anni di attività, la casa editrice che dedica il suo intero catalogo alla letteratura del Nord Europa lancia la prima collezione dedicata ai giovanissimi, e la battezza, giustamente, I Miniborei.

Ulf Stark, Sai fischiare, Johanna?, Iperborea, 2017

Saranno cinque i titoli pubblicati ogni anno e le proposte saranno varie: autori dai classici ai contemporanei, romanzi, ma anche racconti. Non mancheranno le illustrazioni, ad opera di alcuni dei più rinomati disegnatori del Nord Europa – vedi Ingrid Vang Nyman, già illustratrice di Pippi Calzelunghe, ed Eva Billow, premiata con la targa Elsa Beskow, per il libro della Lindgren –. Anche la veste grafica si presenta rinnovata, disegnata dallo studio xxy.

Scopriamo qualcosa di più sulle prime proposte.

Sai fischiare, Johanna? è la prima edizione Iperborea di un libricino del 1992 che vale a Ulf Stark il Premio tedesco per la Letteratura d’infanzia. Storia di amicizia e di legami fra nonni e nipoti, Sai fischiare, Johanna? racconta di Berra, che non riesce a nascondere l’invidia nei confronti di Ulf e del suo rapporto speciale con il nonno: anche lui vorrebbe averne uno. Così Ulf accompagna l’amico in una casa di riposo, dove verrà adottato da Nils, un simpatico vecchietto che fischia sempre una canzoncina intitolata, appunto, ‘Sai fischiare, Johanna?’.

Astrid Lindgren, Greta Grintosa, Iperborea, 2017

Greta Grintosa è invece una raccolta di racconti della creatrice di Pippi Calzelunghe, rimasti inediti fino ad ora in Italia. «Un inno alle avventure, all’intraprendenza e alla libertà dell’infanzia», Greta Grintosa propone le avventure di dieci piccoli eroi che organizzano feste per i nonni malati, incontrano amici alti un pollice appena, sorvolano la città, si sentono soli anche se possiedono mille giocattoli, fanno amicizia con i tori…

Il meraviglioso viaggio di Nils Holgersson è, dulcis in fundo, opera della prima donna ad aver vinto il Premio Nobel per la letteratura, un classico per l’infanzia così amato in terra svedese da vedere il suo protagonista stampato sulla banconota da venti corone. Racconta di Nils, un ragazzino problematico, dispettoso all’inverosimile, che un giorno prende di mira la persona sbagliata; o meglio, il folletto sbagliato, che decide di rimpicciolirlo fino a fargli assumere le dimensioni di un topino. È questo l’inizio di un viaggio che lo porterà a conoscere la natura, ma anche l’amicizia e la solidarietà.

E, in attesa che Iperborea renda noti gli altri due titoli in uscita quest’anno, possiamo avvicinarci al magico mondo che racconta a Bookcity. La casa editrice sarà infatti presente alla manifestazione milanese con cinque eventi: Tradurre letteratura meticcia per tradurre culture nell’Europa multietnica. Una conversazione con Kader Abdolah, con lo scrittore Kader Abdolah, rifugiato politico nei Paesi Bassi; Quello strano bisogno di ricordare e di essere ricordati, con Valerio Millefoglie, che racconterà Tutto quello che non ricordo di Jonas Hassen Khemiri; Jan Brokken e le anime di San Pietroburgo, con Jan Brokken e Federico Baccomo, che ripercorreranno la storia della città attraverso le esperienze delle personalità che l’hanno resa grande; Kader Abdolah: l’Europa di oggi raccontata con gli occhi dei migranti, di nuovo con Kader Abdolah, che racconterà le vicissitudini che l’hanno portato in Olanda e il suo ultimo libro, Un pappagallo volò sull’IJssel; Il giro dell’Islanda in 60 leggende, con Silvia Cosimini e Felix Petruška, rispettivamente traduttrice e illustratore di Atlante leggendario delle strade d’Islanda.

FONTI:

FONTI
Iperborea