17 dicembre 2018

Reggiseno: a ognuna il suo

Reggiseno: a ognuna il suo

Nella preistoria, quando ancora l’Uomo non aveva assunto la posizione eretta, le sue sporgenze servivano ad attirare il maschio per l’accoppiamento, e ancora oggi pur avendo perso la funzione istintiva (anche se alcuni uomini faticano a tenerlo a bada, ndr) costituisce comunque un punto erotico ed elemento di attrazione.
Si parla del seno, l’elemento più evidente dello sviluppo sessuale femminile e motivo d’orgoglio per ogni donna. Ecco perché la scelta del suo “protettore e migliore amico”, il Reggiseno, è particolarmente importante e rappresenta ore e ore di attenta selezione riguardo la comodità ma anche l’apparenza, se è troppo evidente sotto il vestito e se valorizza bene il tutto.

Seno Est-Ovest

Seno rotondo

La lingerie Third Love ha individuato ben sette tipi di seno: Rotondo, quando è pieno sopra e sotto; Est-Ovest, quando punta all’esterno; Laterale quando è separato da uno spazio sufficientemente importante; A Lacrima quando appunto assume una forma a goccia, maggiormente pieno sotto rispetto a sopra; Slanciato quando si estende in lunghezza; Asimmetrico – il più diffuso – quando uno è più grande dell’altro; A campana, simile allo slanciato ma più grande. Ma si possono contare altre forme, come quella tuberosa o quella ptosica, o vero un po’ appesantita o cadente. Ognuna di queste forme deve essere curata e valorizzata, e bisogna dire che oggi nei negozi di intimo una donna può trovare più o meno reggiseni di tutti i tipi o tessuti. Che, poi, questo articolo potrebbe essere molto più utile ai maschietti che vogliono fare dei regali utili e apprezzati alle loro partner – o quantomeno imparare i meccanismi di tali indumenti per certe situazioni – che alle donne solitamente già esperte in campo, ma che possono vedere tale scritto come piacevole opera di intrattenimento perdonando, magari, l’autore (maschio) per eventuali errori di percorso.

Seno laterale

Seno a lacrima

Seno slanciato

Seno asimmetrico

Seno a campana

Reggiseno senza ferretto

Si parte dai classici Reggiseni con o senza ferretto: il primo è dedicato alle signore con una taglia più abbondante e l’inserimento in ferro di forma arcata ha proprio funzione di sostenerne il peso; il secondo è invece l’esatto opposto e la sua comodità sarà sicuramente apprezzata da donne con un volume più contenuto. Per le taglie grandi magari non amanti del ferretto c’è come sostituto il Reggiseno di Sostegno, realizzato con un tessuto elastico che permette quindi di sostenere il seno.
E’ ultimamente di moda il Reggiseno sportivo – specie quello di Adidas che lo ha pubblicizzato con numerose celebrities del mondo dello spettacolo (come Rita Ora) – che è una sorta di top comodo e avvolgente, ideale per chi va a correre o comunque fa attività sportive e che recentemente, nelle stagioni più calde, viene usato come abbigliamento casual chic. Ma negli ultimi tempi (non così ultimi, in realtà) è molto in voga anche il reggiseno Push-Up: quello che permette di alzare un po’ i valori. Esso è costituito da molto più materiale rispetto ad uno classico e ha una sorta di tasca apribile dove poter inserire un’imbottitura. Tale meccanismo permette così di aumentare tutto il volume di ben due taglie.

Reggiseno sportivo

Non manca poi il Reggiseno da Allattamento – il nome è spaventoso, ma in realtà è molto comodo per le neo mamme – che consente di allattare facilmente il bambino o rimuovendo la coppa o, in alcuni casi, aprendo solo la parte relativa al capezzolo. Infine esistono reggiseni più particolareggiati, come quello in silicone privo si spalline proprio grazie all’aderenza tipica del materiale con cui è realizzato; oppure il seno a fascia, avvolgente e anch’esso privo di spalline ma indicato solo a taglie più piccole. Oppure, ancora, quelli che marcano le forme, come il reggiseno a balconcino – caratterizzato da una particolare scollatura – o quello a triangolo.

Reggiseno a triangolo

Ogni tipologia, comunque, presenta stili, textures, tessuti e fantasie sempre differenti. Dal cotone, ad appunto il silicone, al pizzo, ciò conferma che il reggiseno non è assolutamente un abbigliamento intimo di seconda scelta, ma è nato per valorizzare la donna e – perché no? – completare un outfit e uno stile.

E voi, quale reggiseno scegliete?

FONTI:

IMMAGINI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.