12:49 pm
20 novembre 2017

Quando attraverso le tradizioni si superano gli stereotipi (di genere)

Quando attraverso le tradizioni si superano gli stereotipi (di genere)

Se dovessimo pensare a Londra, capitale della Gran Bretagna, le prime cose che ci verrebbero in mente sarebbero il Big Ben, Tower Bridge, la regina e il cambio della guardia.

Quest’ultima è una delle più note tradizioni inglesi e viene svolta in due posti contemporaneamente: la fanteria (o foot guards) davanti alla residenza della regina, Buckingham Palace; e la cavalleria, che effettua il cambio nella Horse Guards Parad a Whitehall. Il primo avviene tutti i giorni alle 11.30 con una durata di circa 45 minuti e viene annullato solo in caso di forte pioggia; si tratta di una parata accompagnata anche da musica. Il secondo tipo di parata militare avviene tutti i giorni alle 11, mentre alla domenica alle 10 del mattino.

Secondo la tradizione inglese le donne non hanno mai partecipato a questo tipo di manifestazione, ma lo scorso 26 giugno scorso la canadese Megan Couto, di soli ventiquattro anni, è stata la prima donna nella storia a guidare un cambio della guardia inglese. Lei infatti è stata a capo della cerimonia con altri quaranta soldati canadesi al suo seguito.
Questa ragazza fa parte del secondo battaglione della fanteria canadese ed è stata scelta per celebrare i centocinquant’anni dalla nascita del Canada, avvenuta il primo luglio 1867, dato che questo stato fa parte del Commonwealth.
I soldati canadesi hanno effettuato servizio nel Regno Unito fino al 3 luglio, non solo a Buckingham Palace ma in altri importanti punti come la Torre di Londra, il Castello di Windsor e il palazzo di San Giacomo.

Non è così strano che si tratti di una donna canadese: infatti l’esercito di questo paese è stato tra i primi a permettere l’accesso alle donne per ricoprire ruolo operativi nella fanteria o nell’esercito sottomarino.
Forse fino ad oggi non si era mai vista una donna a fare il cambio della guardia proprio perché l’esercito inglese ha permesso alle donne la possibilità di combattere in prima linea solo a partire da luglio del 2016, grazie all’ex primo ministro David Cameron e al ministro per la Difesa Michael Fallon, ancora in carica. Prima queste potevano essere impiegate solo come medici o nei corpi di artiglieria e mai nella fanteria.
Non bisogna però pensare che tutte le donne siano adatte ad entrare nell’esercito: come per gli uomini ci sono parametri fisici minimi che sono richiesti.

 

Megan ha dichiarato che per lei essere la prima donna a capo del cambio della guardia è stato un grandissimo onore ed è felice in questo modo di rappresentare il Canada, l’esercito del suo stato e la fanteria.
Grazie a questo piccolo passo, saranno soddisfatte anche tutte coloro che ormai da decenni combattono per l’uguaglianza di genere.

Immagini: Pinterest

vanityfair.it ,  dilei.it , londonita.com , letteradonna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *