Una delle sensazioni più belle per un lettore è quella del ricordo, magari improvviso e inaspettato che riaffiora alla mente e toglie il fiato. Quell’estate, quel libro, noi e le emozioni che ci ha fatto provare. Se avete mai provato qualcosa di simile, vi incoraggiamo a fare un passo oltre: consigliate il vostro libro-ricordo a un ragazzino, ai vostri fratelli o cugini, e magari chissà, potreste cambiargli la vita.

Con l’estate arrivano le inevitabili letture scolastiche, goduria per i piccoli lettori e castigo per i più avventurosi che preferiscono andarsene al mare. Non sempre la scuola incoraggia nel modo giusto, a volte si rimane legati ai cosiddetti “romanzi di formazione” canonici senza pensare a strade alternative. In questa montagna di parole spesso i ragazzi si perdono, o sono costretti a leggere anche qualcosa di brutto o scioccante. Ricordo, ad esempio, l’anno in cui a tutti fu chiesto di leggere L’Isola di Arturo di Elsa Morante. Non fu solo una mia impressione, moltissimi bambini vissero le angosce del piccolo Arturo quasi fossero le loro, e finirlo fu una vera penitenza.

Molti anni dopo, parlando con un amico intenzionato a lasciare tutto e trasferirsi in Australia per vivere il suo sogno, ci raccontavamo le reciproche impressioni della cultura locale e di come sarebbe andata la sua esperienza. Ebbi un flash back senza precedenti. Mi rividi un’estate a leggere questo libro meraviglioso. Una storia spirituale ambientata nell’outback australiano. E venne chiamata Due Cuori di Marlo Morgan è il libro da regalare per insegnare la bontà d’animo e il coraggio. Il racconto autobiografico narra le vicende di un occidentale che vive con gli aborigeni australiani e scopre che, il divario tra le culture, sta solo nella superficialità con cui esse vedono le stesse cose.

 

Infine, una scoperta al contrario: solitamente si legge un libro, poi si guarda il film e spesso quest’ultimo rovina in parte o in toto l’idea che ci eravamo fatti nella testa. Questa volta invece Sky ci sorprende con una mini serie intitolata I Durrell-La mia famiglia e altri animali, liberamente tratta dal libro autobiografico di Gerald Durrell naturalista ed esploratore che racconta come, dopo la morte del padre, sua madre e i quattro figli decidono di lasciare tutto e trasferirsi sull’isola di Corfù scoprendo così una natura ancora incontaminata. Il racconto ambientato negli anni 30 è davvero divertente. I fratelli, con personalità diversissime tra loro, fanno continuamente danni ma è impossibile non innamorarsi di loro. Credetemi, ognuno di noi vorrebbe essere stato allevato come i Durrell!

Immagine copertina