Uno schermo, un proiettore e una sala allestita per l’occasione all’interno di uno dei cortili delle case popolari della città di Milano. Scendi c’è il cinema è l’iniziativa sociale e culturale promossa e organizzata dal Laboratorio di quartiere Giambellino-Lorenteggio che regala agli abitanti della zona (e non solo) un cinema itinerante all’aperto con una vera programmazione di film proiettati tra le case popolari della periferia milanese.

Gli abitanti della zona sono coinvolti in prima persona nell’organizzazione con la messa a punto di una sala cinematografica a cielo aperto, tra gli alberi e il verde di questi quartiere, ma soprattutto con la passione e il desiderio di rendere una serata davvero speciale.

Per l’edizione 2017, sono stati programmati dieci film in dieci serate. Di seguito la programmazione:

  • 23 giugno “La pazza gioia” di Paolo Virzì al Laboratorio del quartiere Giambellino Lorenteggio in via Odazio 7;
  • 24 giugno “L’altro volto della speranza” nel cortile di via Giambellino 148;
  • 30 giungo “Moonlight” nel cortile di via Segneri 3;
  • 1 luglio “The idiot” presso il mercato Lorenteggio in via Lorenteggio 177;
  • 7 luglio “My name is adil” nel cortile di via Solari 40;
  • 14 luglio “Mà Revolution” nel cortile di via Recoaro 6;
  • 15 luglio “ Zootropolis” nel giardino di via Lorenteggio;
  • 21 luglio “Dheepan” nel cortile della biblioteca di Odazio in via degli Odazi 9;
  • 22 luglio “Io, rom romantica” al Laboratorio del quartiere Giambellino Lorenteggio in via Odazio 9.

L’iniziativa, giunta ormai alla sesta edizione, vuole far avvicinare ai quartieri periferici, spesso abbandonati e dimenticati, la cittadinanza milanese per dimostrare la forza che questi posti hanno all’interno della città. Non è un caso che l’iniziativa nasce in un quartiere come quello di Giambellino che negli ultimi decenni non è mai stato toccato da progetti ed interventi di riqualificazione. Chi abita in questi quartieri è stanco di sentirsi rilegato ai margini della città e dal 2012 tenta di far sentire la propria voce e la ricchezza che proviene proprio da queste mura.

Ed è così che ci si incontra: giovani, anziani, bambini (tantissimi), passeggini e famiglie. Tutti riuniti per stare insieme, per condividere un momento, un film o anche una fetta di anguria. Un’ occasione unica e speciale perché l’umanità e la solidarietà che si respira in questi posti fa sentire ognuno, compresa me, un po’ a casa propria.

 

 

Credits immagini: https://www.facebook.com/scendiceilcinema/photos/, https://www.facebook.com/scendiceilcinema/photos/