Elena aveva quattro cuori, sei anime
e due occhi soli, neri e ciechi.
Non sapeva guardare Elena,
ma sorrideva forte.

Passeggiava sempre lungo il fiume,
e innamorata
ascoltava l’acqua.
E chissà che storie le raccontava,
chissà con che rumori
le parlava dei colori su in collina,
dei festeggiamenti in piazza
degli innamorati in un cortile.

Non so cosa le abbia sussurrato il vento
quando se l’è presa e l’ha portata via.
L’avrà corteggiata, bella com’era,
fino a farla cedere inerme alle sue fresche lusinghe,
tra le sue braccia secche.
L’avrà baciato ad occhi chiusi,
che si, tanto era lo stesso,
ma lei amava le favole,
e nelle favole tutto è concesso.

 

 

credits