12:51 pm
20 novembre 2017

L’electro-rock di Giungla

L’electro-rock di Giungla

Giungla è selvaggia e misteriosa. È un fiume in piena che si scaglia contro tutto. È sinonimo di libertà assoluta. È aria leggera che sfiora i capelli, ma anche un ruggito a denti stretti. In fondo Giungla è semplicemente Emanuela Drei che si presenta senza barriere, nella sua originalità e semplicità.

Il progetto solista della Drei nasce dalla consapevolezza di voler sperimentare qualcosa di più strettamente personale, presente da tempo nella sua testa e pronto a evolversi in tempi maturi. La cantante l’ossatura se l’è fatta con le esperienze nei Heike Has The Giggles, dove componeva i pezzi, e come bassista degli His Clancyness. Dal gruppo a solista il passo non è così breve. Si riparte quasi da zero e circondarsi di persone che credono nel tuo progetto diventa essenziale. Giulia Mazza, fotografa, ha dato vita alla sua immagine e Federico Dragogna, chitarrista nei Ministri, si è occupato della produzione, registrazione e mixaggio dei quattro brani che compongono il primo Ep, e per ora unico lavoro, CAMO.

L’Ep è composto da Cold, Forest, Sand e Wrong, quattro brani, quattro storie diverse. Il risultato è un electro-rock con sfumature dream-pop, apprezzabili in Sand, composto dalla voce sempre delicata della Drei, dalla chitarra che si presenta grezza e fredda in Cold e in Forest, per poi passare tra le stagioni e mutare in mite e avvolgente, sostenendo Sand per l’intera composizione. La base è un apprezzabile tappeto di effetti, synth e drum machine.

La sua prima esperienza da solista sul palco risale al 7 novembre 2015, in apertura agli Unknown Mortal Orchestra. E poi in giro per tutta Italia, tra festival di rilievo del panorama indipendente e aperture ad artisti come Ministri, Francesco Motta e Cosmo, e infine all’estero tra Francia, Paesi Bassi e Canada. Giungla è un’artista da seguire, conoscere e vedere. Grinta ed energia contraddistinguono i suoi live. La sua musica ha sapore internazionale e la scelta di un cantato inglese è proprio dettata da tale esigenza.

Ascolta Giungla qui: https://soundcloud.com/giungla

 

Fonti: repubblica, lindiependente, rockit, rockol, rockit2, rockit3

Credits img: rockambula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *