Milano sei testarda
continui a sputare poeti
fuori dai tombini;
a branchi invadono
le tue strade masticate
con gli occhi sotterranei
di chi non accende mai il sole

Milano ci metti troppo impegno
a raccontarci di muri pisciati,
di giornate senza porte per uscire
di casa,
del cielo scaraventato sui navigli

Milano sei ingenua
ti fidi troppo dei formicai
che ti crescono in pancia;

ci svegliamo sempre più spettinati
con un po’ di quel sonno che ci rubi
coi tuoi lampioni e i tuoi petardi

se ci sei tu dietro le finestre
ad aspettarci
anche un caffè senza zucchero
diventa portone aperto
diventa rivoluzione.

 

Crediti immagine: immagine 1

https://upload.wikimedia.org