San Fruttuoso è un piccolo borgo situato tra Camogli e Portofino e fa parte del Parco Naturale Regionale. Luogo molto suggestivo e tipicamente ligure ospita la famosissima Abbazia costruita nel X-XI secolo dalla vedova di Ottone I, Adelaide di Borgogna, poi donata ai monaci benedettini. All’interno della suggestiva chiesa monacale, raggiungibile solo via mare o attraverso sentieri panoramici, si trovano reliquie di martiri (tra cui quelle di Fruttuoso) e tombe di alcuni membri della famiglia Doria, l’illustre stirpe del condottiero genovese Andrea Doria che nel XVI secolo si occupò del restauro del chiostro superiore. I successori di Doria fecero costruire la Torre (a lui intitolata) e la collegarono al borgo dei pescatori.

Questo legame spirituale con la comunità genovese rimase vivo nel tempo come ancora si può attestare dalla grande risonanza di visitatori sia all’Abbazia sia al Cristo degli Abissi: statua di Gesù Cristo alta 2.5 metri e posizionata sul fondale a 16 metri di profondità.

La statua è di bronzo ed è un’opera dell’artista Duilio Marcante, creata nel 1954 dopo la morte di Dario Gonzatti a seguito di un’immersione.

L’Abbazia è oggi uno dei beni di maggior vanto del Fondo Ambiente Italiano (FAI) che assicura la possibilità di visitarla tutto l’anno, anche con speciali visite notturne. Questo luogo religioso è anche un posto quasi surreale: una chiesa affacciata sul mare ed un Cristo che, visto attraverso l’acqua cristallina del mare, tende le braccia verso l’alto. Il Cristo è diventato il protettore del mare e viene visitato dalle immersioni dei subacquei.

La Liguria negli ultimi anni si sta impegnando a favorire lo sviluppo turistico nella regione sfruttando il comodo collegamento ferroviario presente su tutta la costa e L’Abbazia di San Fruttuoso, che è un luogo che vale la pena visitare, approfittando dell’occasione per spostarsi facilmente anche tra le Cinque Terre e Genova.

Images: copertina