The Less I Know The Better: letteralmente “Meno so meglio è”.

E’ questo il titolo che annuncia l’uscita del primo vero album della carriera dei Ghibertins, prevista per l’inizio dell’estate, il quale trae spunto dalla canzone “If You Tolerate This Then Your Children Will Be Next”; brano del 1998 scritto dai Manic Street Preachers.

Dopo l’EP d’esordio intitolato Square the Circle – uscito nell’ottobre 2015 – la band milanese si rilancia dunque nel panorama musicale con le congeniali atmosfere acustiche folk/rock, impreziosite in questo lavoro dall’aggiunta di una sezione di fiati, di archi e dalla presenza ritmica della batteria.

Il trio meneghino, formato dal frontman Alessio Hofmann, dal bassista Alessandro Fogazzi e dal chitarrista Lorenzo Rivabella, è tornato quindi nello studio di registrazione per raccogliere i frutti della ricerca e della gavetta effettuata in questi sedici mesi, tra locali della movida del capoluogo lombardo e vari festival in giro per l’Italia, fra cui il prestigioso Tour Music Fest capitolino del 2016, dove hanno vinto il Velvet Mag.

Una produzione originale costituita da 11 inediti, con il singolo “Breathe For Me” che farà da apripista all’album stesso, e certamente molto diversa da quelle classiche che si conoscono nel Bel Paese, ma che in realtà è al passo con i tempi.
Per reperire il budget necessario alla partenza delle registrazioni infatti, i Ghibertins hanno scelto di tentare – con successo, ora si può dirlo- la strada del crowdfunding attraverso il portale Musicraiser; piattaforma musicale che ha come scopo quello di aiutare e promuovere gli artisti nella realizzazione dei loro progetti attraverso una raccolta fondi.

Gli amici e soprattutto i fan della band, che sono in continuo aumento come dimostrano i numeri su tutti i social e sul canale Youtube, a cui va sommato il gradimento ottenuto nelle serate live dei locali di Milano, dove i tre musicisti eseguono un vasto repertorio di cover, hanno risposto positivamente dando fiducia sin da subito a “The Less I Know the Better”.

“Con questo album, oltre a toccare i temi del precedente lavoro, volevo scrivere qualcosa di più attuale. In un momento storico come quello che viviamo – afferma Alessio Hofmann, che si è occupato della scrittura dei brani trovo demotivante il fatto che molti artisti preferiscano non scrivere nulla di quello che sta accadendo!
Pensiamo agli anni ’60, alla rabbia che c’era. Pezzi come “Gimme Shelter” dei Rolling Stones o “War” di Edwin Starr rappresentavano una musica diretta, arrabbiata e schietta.
Scrivere canzoni – continua il frontman – é una responsabilità: a prescindere dal seguito che la band può avere o meno. Con The Less I Know The Better, volevo trasmettere questa rabbia e sensibilizzare le persone che non vedono, non sentono e non vogliono capire il perché di quello che sta succedendo”.

 

I The Ghibertins sono:

Alessio Hofmann: voce, chitarra acustica

Alessandro Fogazzi: basso

Lorenzo Rivabella: chitarra acustica, chitarra elettrica

Per visitare la pagina Facebook dei The Ghibertins (clicca qui)

Fonti: