Due biglie morbide come seni gommosi,

le pelli burrose nelle avenide rumorose,

giocavo con te a fare l’adulto,

rifiutavo gelati e chiedendo a Dio indulto.

 – – – – –

Era l’estate dei pensieri,

senza navi ne velieri,

fuggivo dalle bibbie senza tempo,

cercavo scarpe pieno di sgomento.

 

 

Crediti immagine