Ere degli uomini dei,

fuochi delle anime,

re delle coppe e primi tra i vinti,

fiumi lontani con sguardi succinti.

 

Ti perdi tra quelle liane,

ti trovai in quei discorsi strani,

s’urlava indemoniati,

ora restano solo conati.

 

Italo Petrone