La rocca dei Malatesta

E ‘l Mastin vecchio e ‘l nuovo da Verrucchio,

che fecer di Montagna il mal governo,

là dove soglion fan d’i denti succhio.

Così recita Dante Alighieri nel Canto XXVII dell’Inferno (vv. 46-48), parlando di Malatesta da Verucchio, detto il Mastin Vecchio per la sua tenacia di conquistatore e per la sua vita centenaria egli nacque nel 1212 e morì nel 1312. Se avete in mente una vacanza a Rimini e volete qualcosa di diverso da mare e discoteche, potete andare a Verucchio (RN), una collinetta a 15 km dalla spiaggia. Un antico ed importante centro Villanoviano e poi Etrusco, i cui reperti, trovati nelle due necropoli presenti, sono conservati presso il Museo Civico Villanoviano e sono tra i più importanti e numerosi della Regione. Il monumento architettonico più importante, si vede sin dalla spiaggia, vicinissimo ai castelli di San Marino è  la Rocca Malatestiana.

Un suggestivo scorcio

Costruita partendo da una singola torre, donata ai Malatesta dall’Imperatore Ottone I di Sassonia, esistente già in epoca tardo romana, è stata ampliata col passare dei secoli dai vari Signori di Verucchio e Rimini nei due secoli di dominio malatestiano sul territorio e restaurata e modificata anche nei secoli successivi. La modifica più importante, che le ha donato l’aspetto odierno, fu attuata dal più famoso condottiero della famiglia, Sigismondo Pandolfo. Dopo la fine del dominio Malatestiano e il ritorno di Rimini al Papa, Verucchio divenne comunque punto strategico importante e la sua Rocca residenza dei suoi signori fino all’Unità d’Italia.

Visitandolo, troverete molte leggende sui Malatesta, la più romantica delle quali è quella di Paolo e Francesca, anch’essa narrata dal Sommo Poeta Dante (Inferno, Canto V). Oltre ai due musei, Verucchio rimane suggestivo in quanto tipico borgo medievale e per il doppio panorama che offre: il mare a Est, l’appennino a Ovest.


FONTI

Guida alla Rocca Malatestiana di Verucchio a cura di Maria Giovanna Giuccioli edita dal comune di Verucchio e dall’Associazione “Pro Loco” Verucchio

CREDITS

Copertina (Foto dell’autore)

Immagine 1 (Foto dell’autore)

Immagine 2 (Foto dell’autore)