di Laura Cerrai

Se si pensa ad una casa di Leonardo da Vinci a Milano subito il pensiero corre a quella che oggi viene chiamata “La vigna di Leonardo”, una piccola vigna collocata nel cortile della bellissima casa degli Atellani in pieno centro a Milano, tappa irrinunciabile per i milanesi e i turisti, visitabile con tanto di occasionali visite guidate all’interno della casa ancora abitata dagli eredi dell’architetto Piero Portaluppi che negli anni ’20 e ’40 del Novecento ne curò la ristrutturazione (qui il sito del museo).

Assai meno nota è invece la vicenda di un’edificio, la cosiddetta Cascina Bolla, collocata tra via Spagnoletto e via Paris Bordone, che la leggenda vorrebbe essere stata l’abitazione di Leonardo mentre era impegnato nell’esecuzione dell’Ultima Cena in Santa Maria delle Grazie.

bolla
La Cascina Bolla come appare oggi

Leonardo giunse a Milano intorno al 1482 mandato da Lorenzo il Magnifico come rappresentante dell’egemonia culturale che Firenze vantava sugli altri Stati italiani, qui lavorò per gli Sforza, in particolare Ludovico il Moro, e nel 1494 ricevette da questo la commissione per l’Ultima Cena da affrescare sulla parete del refettorio del convento annesso alla chiesa di Santa Maria delle Grazie, a cui era particolarmente legato.

La vicenda di Cascina Bolla è sempre rimasta misteriosa, furono due tecnici, un geometra e un ingegnere, nel 1983 a sostenere l’ipotesi che fosse stata la residenza di Leonardo, tanto è vero che dall’entrata di via Paris Bordone è presente una targa con scritto che l’artista vi risiedette dal 1493 al 1499; inoltre sostennero che dai sotterranei della cascina partisse un lungo cunicolo segreto che portava direttamente al Castello Sforzesco.

Due anni fa, nel 2014 la casa tornò ad essere oggetto di attenzione da parte della stampa in quanto, dopo decenni di vincolo perchè ritenuta residenza viscontea, fu messa in vendita; questa storia non è mai stata chiarita, né confermata, né smentita, vero è che è molto difficile da sostenere, sopratutto l’esistenza del tunnel sotterraneo è ormai quasi completamente esclusa, gli storici dell’arte tendono a smentire anche l’ipotesi che la casa fosse abitata dal maestro in quanto verosimilmente, come avveniva sempre all’epoca, questo risiedeva in un appartamento della corte sforzesca.

Una foto d'epoca della Cascina Bolla
Una foto d’epoca della Cascina Bolla

Nonostante queste smentite l’edificio rimane interessante e bellissimo e merita una visita veloce se si passa in zona, ormai dell’aspetto originale quattrocentesco ha assai poco, mantiene ancora la struttura di piccolo castello tardogotico ma degli affreschi che la ricoprivano e del porticato ad archi originale non rimane nulla; nei secoli fu fortemente danneggiata da terremoti, dai diversi passaggi tra proprietari che ne fecero un oratorio, poi una cascina fino a quando fu comprata dal governo fascista, razziata e smantellata durante gli anni ’30 ma tutto questo rende la Cascina Bolla assai affascinante.

Per chi volesse approfondire la conoscenza delle opere del genio toscano presenti a Milano, segnalo il sito http://www.leonardoamilano.org/.

Fonti:

Crediti immagini:

  • immagine di copertina (link)
  • immagine 1 (link)
  • immagine 2 (link)

 

 

 

(dal sito codina.it)