“Il poeta produce una merce, la poesia, che è inconsumabile: morirò io, morirà il mio editore, moriremo tutti noi, morirà la nostra società, morirà il capitalismo ma la poesia resterà inconsumata”

Pier Paolo Pasolini

Così il Sindaco di Rozzano, Barbara Agogliati, prende parola all’evento tenutosi il 17 Settembre presso lo Spazio Espositivo del Centro Culturale La Cascina Grande di Rozzano, per onorare la memoria e ricordare il grande regista, poeta e giornalista che fu – ed è, vivendo ancora nelle sue opere e nel mito degli anni del conflitto ideologico – Pier Paolo Pasolini.

La mostra è stata introdotta da Rita Ricucci ed è stata accompagnata dalla lettura e dall’interpretazione di alcune opere di Pasolini – tra cui Supplica a mia madre (Da Poesia in forma di rosa) – da parte dei “TresBienEnsemble”, un gruppo di giovanissimi diretti da Francesca Biraghi, dell’Associazione Musicale Flute Harmonique qui – la cui performance combinava e alternava diverse qualità vocali e musicali in un connubio magnetico.

Curata da Renato Galbusera e con il patrocinio del Comune di Rozzano e di AMA ROZZANO, “Ricordo di Pier Paolo Pasolini”  – alla sua terza esposizione, dopo il Palazzo del Duca a Senigallia e Palazzo Cittadini Stampa di Abbiategrasso – vivrà ancora fino al 30 Settembre – entrata libera.  La mostra presenterà diverse opere, che rivisitano la vita di Pasolini in tutta la sua complessità  di relazioni – con la madre e il femminile – e scontri – con il padre e il maschile -, la politica, la dimensione personale della poesia e del linguaggio, il suo cinema, l’urgenza di vivere il suo tempo, come fa notare il Consigliere delegato alla Cultura di AMA Rozzano, Rita Ricucci,  fino ad arrivare alla sua tragica morte violenta.

Ancora in un’ottica più ampia, la mostra rappresenta l’apertura di una nuova frontiera, rientrando nel “Progetto Artepassante nella Città Metropolitana”, che secondo Camillo Dedori – Presidente dell’Associazione Le Belli Arti –, riprendendo le parole di Pasolini, incarna quella “accanita e matta energia” necessaria per amare la cultura come un possesso, arricchendo la nostra mente e il nostro cuore. Infatti come dice il Sindaco “Rozzano ha i suoi problemi”, ma in questi ultimi tempi la rivalorizzazione culturale è un tema che tocca profondamente il comune e la popolazione, che sta combattendo per far rivivere i poli che caratterizzano il territorio di Rozzano: la Cascina Grande e il Cinema Teatro Fellini, in cui nei prossimi giorni ci sarà la proiezione di “Pasolini, film dopo film” e “La Macchinazione” (2016) – rimando alla locandina degli eventi per ulteriori informazioni, qui.

Questo slideshow richiede JavaScript.