“Ma i Pokemon? Che ccazzo di figata
So’ sti Pokemon Go?” ”Ve’?! Belli veri!
‘e corze pe’ strada, le caccie… E ieri
che ccamminavo sciallo e su’ ‘a pelata
de uno te trovo Piggy[2] appollaiata?”
“mbè ma che tte ttre ggiorni fa nnun c’eri
che nn’avemo preso uno in mezz’i ceri
de’ ‘a cchiesa, ché, ccosa llì, era fissata,
‘a ragazza de Mirko, co’ ste cchiese?”
“c’ero, c’ero… Vabbè mma hai visto ‘r pazzo,
‘n America, che ‘nnava in mezzo a’ incenni
a ppijà i Pònyta?! Stavo co’ Agnese
quann’ho vvisto ‘a notizzia… Io cor cazzo
che cc’annavo! Seh, mo’ aspetta che ‘a prenni
Pònyta! Foco prenni,
artro che Pponyta! Ma stai de fòri,
propio de fòri… Poi dici che mmòri…
E tte credo che mmòri,
te vai a ddà fòco! Sei ‘n vero cojjone!
Vabbè cche n’è ttanto mejjo Flavione
Che, in giro cor gippone,
se vede ‘n Pokemon là ssur cruscotto
e pe’ ppijallo quasi ce fa ‘r botto…”

[1] In riferimento alla canzone Le beatitudini di Rino Gaetano, in particolare alle prime strofe.

[2] Pidgey

 

credits