17 novembre 2018

Il tempo cambia il nostro modo di vedere le cose?

Il tempo cambia il nostro modo di vedere le cose?

Come cambiano le persone con il passare degli anni?

Che cosa cambia in loro?

Molti di noi con il trascorrere del tempo si abbattono, vedendo passare i giorni, le ore senza poterli fermare;

Altri però si danno fare e vedono il tempo come un’occasione che non può essere sprecata.

Ho deciso di svolgere un’intervista per capire, come cambia il modo di pensare delle persone e come vedono la vita a seconda dell’età.

Quattro generazioni a confronto: infanzia, adolescenza, età adulta, terza età.

Tre domande: che cos’è per te l’amore? come ti vedi da grande? Cosa non ti piace di questo mondo e cosa cambieresti?

 

Che cos’è per te l’amore?

Rebecca, 12 anni

L’amore per me è una delle emozioni più belle al mondo.

L’amore è quell’emozione che ti fa sentire le farfalle nello stomaco, senti quella chimica tra te e la persona che ti ama e che ami, è la persona con cui passi e passerai i migliori momenti della tua vita.

 

Francesco, 18 anni

Partiamo dal presupposto che non mi sono mai innamorato ma provo a dirti qualcosa;

L’amore è un sentimento che non nasce dal nulla, è veramente difficile, le cagate che dicono dell’amore a prima vista, non esiste.

L’amore è una cosa che nasce con il passare del tempo e con il rapporto che insaturi con una persona.

Amare non vuol dire solo volersi bene o esserci affezzionato, ma l’amore si vede anche quando si litiga e poi come va a finire.

L’amore può nascere in poco tempo ma non è sicuro perchè le persone possono cambiare.

Magari il primo periodo sei preso poi la persona ha dei lati che non ti piacciono, ma se sei davvero innamorato anche i lati negativi ti vanno bene e ami tutto di quella persona.

 

Silvana, 56 anni

L’amore è una cosa meravigliosa diceva un film.

Vecchie forme per parlare del sentimento più forte del mondo; si ama per passione, può essere una cosa che nasce piano piano, oppure ci travolge e ci fa quasi paura.

A volte dura poco, a volte tutta la vita.

L’amore è per le persone ma anche per gli animali che ti danno tutto il loro amore senza parlare.

 

Bruna, 77 anni

Per me l’amore è una cosa molto bella, se nasce dal cuore.

L’amore per la famiglia, per il marito, per le figlie, per le nipoti, per il genero e per i miei cari.

L’amore per le cose belle, per il lavoro e tutte quelle cose che mi rendono felice.

 

generations-462134_960_720Come ti vedi da grande?

Rebecca, 12 anni

Da grande mi piacerebbe fare la parrucchiera, mi piace pensare che le persone ti chiedano qualcosa e tu le puoi fare felici, è una questione di fiducia.

 

Francesco, 18 anni

Il mio futuro, mi immagino in una baita, in montagna, con le persone vicine a me, una famiglia o amici cari.

Vorrei avere i miei cani, 2 o 3, lavorare con la natura, avere 5 o 6 mucche, produrre il mio formaggio cose fatte da me.

Il mio orto, cose naturali, vorrei lavorare e produrre le cose da me piuttosto che andare a comprarle.

 

Silvana, 56 anni

Tra qualche anno spero di vedermi più attiva, quindi spero che la mia salute migliori.

Vorrei andare in pensione, poter visitare città e paesi che non ho ancora visto in compagnia dei parenti più cari.

 

Bruna, 77 anni

Ho 77 anni e in tutto questo tempo ho vissuto e visto momenti felici e anche molto brutti.

Comunque io penso sempre positivo e spero in un futuro altrettanto bello e sereno.

 

14182311_10205543445425847_1853075786_nCosa non ti piace di questo mondo e cosa cambieresti?

Rebecca, 12 anni

Di questo mondo non mi piace:

1- il maschilismo

2- pensare che noi quando diventeremo grandi vivremo in un mondo cosi; la mia idea, sinceramente, sarebbe togiere questa “bara” di vetro che divide il bene dal male, romperla e cercare di essere tutti migliori dal principio, ovvero, fin da oggi cerare di rendere il mondo un posto più bello in cui vivere.

 

Francesco, 18 anni

Una cosa che non mi piace nel mondo sono i confini, le barriere culturali e geografiche.

Non dovrebbe esserci bisogno di un fott*to passaporto per andare in un posto che ti piace.

Non mi piace la mentalità di molti stati, per esempio alcuni paesi dell’America e la Corea del nord.

In un mondo futuro, ci dovrebbe essere la democrazia; non una persona che prende le decisioni per gli altri ma un gruppo di persone della popolazione, di classi diverse per scegliere la cosa migliore per il popolo.

Un mondo dovrebbe essere libero per tutti, senza barriere e omogeneo.

 

Silvana, 56 anni

Non mi piacciono le calamità naturali, come il terremoto che ha colpito il centro Italia.

Non si sente quando arriva, non sai come difenderti, dove scappare.

Le persone non sanno se sei sopravvissuto, senti i rumori sopra di te e non sai come chiedere aiuto.

Non mi piace l’anisa e la paura che ci prende quando sentiamo il terremoto.

 

Bruna, 77 anni

Di questo mondo non mi piace, la cattiveria, le insidie del mondo i delitti e le guerre.

La miseria e l’avidità.

Se si potessero fermare tutte queste cose, forse staremmo tutti molto meglio.

Sopratutto, io vorrei fermare i divorzi che distruggono le famiglie e i figli, sono quelli che soffrono di più.

Se io potessi, vorrei cambiare tutte queste cose.

 

Credits:
Foto di copertina
Foto 1
Foto 2: foto di Jessica Vaccari

 

1 comment

  • Il tempo passa e non si può fermare.
    Cerco anch’io di sfruttarlo bene, passandolo con chi mi fa star bene, e crescendo o invecchiando imparo e miglioro i miei difetti e imparo a non sprecare il tempo.
    Ma poi penso a chi non c’è più, penso ai “miei” morti, penso alle relazioni finite, ai miei genitori che stanno invecchiando, ai miei eventuali figli che un giorno se ne andranno di casa per essere indipendenti (come ho fatto io e come ha fatto mia madre prima di me), e penso al dolore di mia madre che non si rassegna all’idea che non sono più un bambino.
    E mi viene da piangere. Anzi sto già piangendo.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.