Anima mia, ancora oggi ti sento forte. Mi manca il tuo viso eppure a volte sotto questa maschera di carne riesco a vederti. Sembra impossibile che due esseri tanto vicini alle volte paian così lontani. Anima mia io ti amo profondamente, a volte penso di averti smarrita e ho paura. Non so come farei se te ne andassi. Il nostro, tesoro, è un amore grande. Un giorno sparirò, ma ti prego, tu che sei eterna ricorda quest’esistenza.

Perché le mie lacrime saranno il mare e il mio sangue tulipani, ogni goccia con il tuo nome, ogni petalo il tuo profumo.

tuo, Corpo

 

Corpo, io sono qui, sempre, ogni giorno. Ti accarezzo la sera e ti bacio la mattina. Ti amo. E spero dal profondo che la mia promessa ti sia sempre presente:” Dalla nascita alla morte insieme, dopo, nel mio cuore” ricordi? Siamo uno, sei me.

tua, Anima

Sentita, struggente e dolorosa. È una delle storie d’amore più tristi. Insieme per la vita, ma poi?

Poi il corpo muore, scompare, sparisce per sempre mescolandosi con tutti gli altri corpi che son stati e diventando parte di quelli che verranno. Il corpo, innamorato follemente, teme il distacco dell’anima, che a differenza sua supererà  integra la morte. Non tiene conto però che è proprio questa l’ossessione dell’anima. Lei a differenza sua non può permettersi di mancare un momento, perché lei, a differenza sua, lo rimpiangerebbe in eterno.

 

A cura di Andrea Bellandi

credits