di Luca Marzano

Qualche giorno fa presso lo spazio Il cielo sotto Milano è andata in scena La commedia del passante, l’esito finale del laboratorio Racconta il tuo viaggio commissionato alla Dual Band dal Consiglio di Zona 4 del Comune di Milano.

Per due mesi lo staff della Dual Band, si è riunito nella stazione sotterranea di Porta Vittoria per raccogliere le testimonianze straordinarie di persone che hanno in comune l’essere milanesi oggi.

Sotto la guida esperta di Anna Zapparoli il teatrante sperimenta e diventa ascoltatore di una storia vera e interprete di una persona, anziché di un personaggio.

Lucrezia Piazzolla è Camilla

Anny, Aurelio, Camilla, Erminio, Gennaro, Libero e Mustapha: qualcuno di loro a Milano c’è nato, qualcun altro ci si è trasferito per scelta o per necessità. Qualcuno di loro la ama e qualcuno la odia. Persone normali le cui storie sono state sapientemente tradotte e interpretate in sette interessanti monologhi che sono riusciti a tenere incollati alla poltrona anche gli spettatori meno avvezzi a questo genere di rappresentazione teatrale.

Il fil rouge che accomuna tutti i monologhi è il viaggio, o meglio i viaggi. Non solo l’odissea di chi viene da un luogo distante, ma anche il viaggio nel tempo di chi testimonia momenti lontani e il viaggio nella propria anima che tutti prima o poi compiamo.

Beniamino e il pubblico nel passante

La scelta del passante ferroviario per mettere in scena questo spettacolo è molto interessante e sembra ricordarci che anche i non-luoghi in cui transitiamo tutti i giorni, come le stazioni e gli aeroporti, sono popolati da persone vere che affrontano ogni giorno il viaggio della vita, possibile che abbiano qualche storia da raccontarci?

Immagine

 

La Commedia del Passante

Regia di Anna Zapparoli

Con Marina Zanchi (Anny), Beniamino Borciani (Aurelio), Lucrezia Piazzolla (Camilla), Giorgio Bongiovanni (Erminio), Anna Zapparoli (Gennaro), Guido De Monticelli (Libero) e Alex Sentinelli (Mustapha) 

Passante Ferroviario di Porta Vittoria


CREDITS

Immagini dell’autrice