Il 70mm, esistito fin dagli albori del cinema, è il formato prescelto. Il 25 dicembre, è il giorno della proiezione nelle sale Usa. Il titolo è The Hateful Eight ed è l’ottavo film diretto dal maestro Quentin Tarantino.

Con in cast stellare che comprende Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh, Walton Goggins, Demián Bichir, Tim Roth, Michael Madsen, e Bruce Dern, Tarantino torna sugli schermi con un film pronto a seguire la scia dei precedenti entrando nella storia del cinema. Così, dopo Django Unchained del 2012, Quentin torna con un altro western, dove però non c’è nessun eroe. Solo un mucchio di cattivi ragazzi in una stanza a raccontare il loro passato, che potrebbe, o meno, essere vero.

Una diligenza si fa strada nel paesaggio invernale del Wyoming. A bordo ci sono il cacciatore di taglie John Ruth, detto “il boia” e la latitante Daisy Domergue. Diretti verso la città di Red Rock, dove l’uomo, consegnerà la ricercata alla giustizia, lungo la strada, incontrano due sconosciuti: il maggiore Marquis Warren, un ex-soldato di colore dell’Unione divenuto un famigerato cacciatore di taglie, e Chris Mannix, un rinnegato del sud che sostiene di essere il nuovo sceriffo della città. A causa di una bufera di neve, i quattro trovano accoglienza presso un rifugio di montagna, dove ad attenderli ci sono quattro facce che non hanno mai visto prima. Sono Bob, colui che si occupa del locale in assenza della proprietaria, in visita a sua madre, il boia Oswaldo Mobray, il cowboy Joe Gage e il generale confederato Sanford Smithers. E così si ritrovano bloccati tutti ed 8 dalla tempesta di neve. Tra tradimenti e inganni, non gli resta che cercare di sopravvivere alla situazione.

https://www.youtube.com/watch?v=gnRbXn4-Yis

Il film non sarà uguale per tutti, infatti, la pellicola che sarà proiettata il 25 dicembre nelle sole sale statunitensi è proprio quella girata in 70mm, più lunga della versione digitale di ben 18 min. La seconda versione, che sarà rilasciata nelle sale l’8 gennaio negli Usa e il 4 febbraio in Italia, ifatti è priva di alcune parti. Lo ha spiegato lo stesso Tarantino in un’intervista: “La versione da 70mm ha un prologo e un intermezzo, e durerà 3 ore e 2 minuti. Quella digitale è più corta di circa 6 minuti, senza contare l’intermezzo, che dura circa 12 minuti. Certe scene risultano meravigliose e sfavillanti se viste in 70mm, ma nelle copie digitali perdono tutta la loro potenza”.

Purtroppo non saremo i fortunati a goderci la versione integrale del film, sempre che non decidiate di prenotare un volo per gli Usa il 25 dicembre.

CREDITI 

Copertina