Ognuno secondo la propria fede ha una sua idea di paradiso.

La più comune è quella che vediamo nella pubblicità della Lavazza: un mondo fatto di nuvole, dove non si distingue tra terra e cielo e il bianco candido che ricopre tutto quello che ti circonda, infonde una sensazione di pace infinita.

Incantevole eh?

Ma purtroppo non stiamo parlando della spiaggia che in se è spettacolare, ma di dove si trova questa spiaggia: questa è una della spiagge di Cipro.

Cosa c’entra Cipro con tutto questo vi sarete chiesti?

Ebbene, non tutti sanno che Cipro è, insieme a Malta, uno dei i pochi Paradisi Fiscali europei. I Tax Heaven in realtà non sono altro che stati con una maggiore agevolazione tributaria, che consiste nella minore aliquota o addirittura totale esenzione dalle tasse per le società.

In un momento di elevata crisi, come quello che abbiamo vissuto, e con un mercato finanziario e delle merci così globalizzato, l’attrazione delle società nei confronti di questi Stati è stata molto elevata, infatti ingenti capitali sono stati investiti fuori da quelle che possono essere definite le “acque terrestri” del paese di appartenenza delle società. Sono state quindi create delle Società Offshore.

Cipro per poter diventare uno Stato “attraente” ha approvato una nuova legislazione che è entrata in vigore il 1° gennaio 2003. Tra le varie norme, le più importanti riguardanti questo tema sono quelle fiscali: le operazioni offshore possono raggiungere elevati gradi di sofisticazione nel territorio cipriota, grazie ad una serie di possibilità offerte alle società che intendono investire in questo paese.

Le forme che possono assumere le società sono o S.p.a. oppure Partnership con responsabilità sia limitata che illimitata. La forma sociale di S.p.a. è soggetta alla tassazione standard degli utili per una aliquota del 4.25%, mentre per quanto riguarda le Partnership l’esenzione da imposte è totale. La condizione però è che le società siano controllate al 100% dalla soggetti non residenti.
Un ulteriore attrazione è rappresentata dalla maggiore flessibilità legislativa cipriota, in quanto il tipo di legislazione utilizzata è quella delle Common Law sullo stampo anglosassone. Pur avendo questa caratteristica, la legislazione cipriota ha un ottima reputazione ed è considerata molto stabile. Cipro ha inoltre stipulato una serie di trattati sul Divieto di doppia tassazione dei profitti con diversi Stati in tutto il mondo: un profitto prodotto a Cipro, viene tassato solo da Cipro secondo la legislazione fiscale.

Per poter aprire una società a Cipro, non sono fissati molti paletti dalla legge, infatti la burocrazia cipriota è molto efficiente e veloce. Lo si può riscontrare anche nel fatto che non vi sia un capitale minimo da dover conferire, ne l’obbligo di versare anticipatamente i conferimenti e il fatto che a capo della società ci possa essere anche solo un componente che sia soggetto fisico o che sia giuridico.

Con la maggiore importanza che sta assumendo il mercato finanziario, Cipro è rimasta al passo con i tempi e ha ammesso la creazione di Offshore anche per fondi di investimento.

Un esempio di come si svolge l’attività di una società Offshore e quali profitti può generare è la società di Import-Export. In realtà questo società si definiscono dei Treading in uno schema a tre: la società di Import-Export Italiana vende alla Offshore (di sua affiliazione, quindi Italiana) un carico di merci ad un prezzo molto basso e l’Offshore la rivende ad un prezzo normale.
Questo cosa genera? Genera un maggiore profitto per l’Offshore, che essendo soggetta ad una legislazione agevolata, è come se posse un profitto netto e diminuisce la base imponibile e quindi l’imposta per la società Italiana, che comunque otterrà maggior profitti, cioè quelli generati dalla Offshore.

Cipro non è un’ isola molto conosciuta, forse proprio per la riservatezza che ha nei confronti della sua clientela, ma di sicuro tra spiagge mozzafiato e agevolazioni fiscali potrà diventare anche la vostra idea di paradiso.

 

CREDITS

Copertina