di Paolo Galante Auriemma

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione , di opinioni politiche , di condizioni personali e sociali.

E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

L’Articolo 3 della Costituzione Italiana è quello a cui si appellano le associazione organizzatrici della manifestazione ”Le nostre vite, la nostra libertà”,che si terrà sabato 3 ottobre, in Piazza del Cannone, a Milano dalle ore 14:00.

Come si legge dal comunicato stampa rilasciato dal ” Comitato Organizzativo #Milano3ottobre” , sarà una giornata all’insegna della laicità con lo scopo di mandare un segnale chiaro e deciso alla politica e alle istituzione laiche e repubblicane: “mettersi subito al lavoro per rimuovere gli ostacoli di ogni tipo che limitino di fatto la libertà e l’uguaglianza di ognuno, impedendone il pieno sviluppo come persona umana”.

In particolare si discuterà di temi che negli ultimi anni sono stati al centro delle discussioni politiche e sociali in Italia ed Europa:
– eutanasia;
– legge 194;
– fecondazione assistita;
– matrimonio egualitario ed unioni civili;
– agevolazioni fiscali riservati ad alcuni istituti religioni;
– istruzione ed insegnamento della religione cattolica.
Sul palco di #Milano3ottobre Massimo Cirri, conduttore di ”Caterpillar” su RaiRadio2, presenterà alcune delle personalità italiane che più si sono esposte nel panorama della lotta per i diritti civili.

Video di M. Cirri per #Milano3ottobre :

Mina Welby, Beppino Englaro e Max Fanelli racconteranno le loro storie e la lotta quotidiana per il riconoscimento della libertà di scegliere in che modo lasciare questa vita;
Don Franco Barbero, ex presbitero dimesso dallo stato clericale a causa dell’esternazione di punti di dissenso con la Chiesa Cattolica ( fra i quali le seconde nozze, il celibato dei preti, le unioni tra credenti omosessuali ), esporrà il rapporto fra fede e laicità, che come lui stesso scrive, quest’ultima “non si oppone ai cattolici o ai credenti, bensì al clericalismo e ai clericali”.
A discutere di diritti civili,matrimonio egualitario,istruzione,legge 194 e fecondazione assistita interverranno il leader di SEL Nichi Vendola, Lella Costa, A. Faiella, Matteo B. Bianchi, Limonta, le associazioni studentesche e tanti altri;
Sul palco sarà presente anche la massima carica spirituale della Chiesa Pastafariana Italiana, Pappa Capitan Pizzocchero, alias Marco De Paolini, per ribadire che uno Stato laico ha l’obbligo di tutelare anche le minoranze religiose pe riconoscere a tutti gli individui pari diritti e dignità.

Di seguito il video in cui il Pappa invita i fedeli a #Milano3ottobre

La manifestazione conta numerosi gruppi di diverse realtà associative fra la comunità LGBT, laica, universitaria e scientifica, infatti, fra i gruppi organizzatori troviamo:”Sentinelli di Milano” , UAAR  , Associazione Luca Coscioni, Rete della conoscenza Milano  e la Chiesa Pastafariana Italiana, che ha messo a disposizione il proprio conto corrente e PayPal per la raccolta fondi dell’evento ( per donare clicca qui: http://www.kapipal.com/milano3ottobre).

Per maggiori informazioni sulle associazioni organizzatrice e aderenti, sul programma della giornata e per visionare il manifesto politico vi invitamo a visitare la pagina Facebook dell’evento:
https://www.facebook.com/events/133002797038289/

 

 


Fonti e Credits: ufficio stampa Associazione le Belle Arti – Progetto Artepassante