Ultimamente sono usciti numerosi film in costume, dalla sfarzosa corte di Luigi XIV durante la costruzione di Versailles, alla campagna francese di Madame Bovary, dall’Inghilterra preraffaellita, ai drammi della Prima Guerra Mondiale.

Se state cercando una storia romantica ad alto tasso emotivo, potete anche abbandonare la ricerca e dedicarvi solamente a scegliere il primo film da vedere.

Partiamo proprio dalla Francia con Le regole del Caos, film del 2014 diretto da Alan Rickman (il magico professor Piton di Harry Potter, per intenderci), che interpreta lo stesso Luigi XIV mentre sta per trasferirsi con il suo seguito nella nuova reggia di Versailles. Qui Sabine De Barra (Kate Winslet), donna e non nobile, è in lista per un incarico molto importante: realizzare uno dei giardini principali del nuovo palazzo. Ma non tutto è rose e fiori, perché Madame De Barra è chiaramente tormentata dal suo passato, mentre Le Notre, l’artista addetto alla creazione dei giardini ha a che fare con il disagio del suo presente. Che i problemi dei due possano aiutarli ad avvicinarsi?

Madame Bovary, torna ancora una volta sugli schermi con un’ottima interpretazione di Mia Wasikowska. La fredda Normandia, lontana dalla vita frenetica di Parigi, un marito distante e le avventure sentimentali della dama nata dalle pagine di Gustave Flaubert.

Restiamo in Francia, ma dal ‘800 ci spostiamo al 1940, sotto l’occupazione tedesca. Diretto da Saul Dibb, Suite Francese è basato sulla seconda parte, intitolata Dolce, dell’omonimo romanzo di Irène Nèmirovsky, pubblicato postumo nel 2004, a più di sessant’anni dalla sua stesura.

Lucille Angellier (Michelle Williams) vive assieme alla prepotente suocera (Kristin Scott Thomas) in un piccolo paese della campagna francese. In attesa di notizie da un marito che non ha mai amato, il suo unico conforto è un pianoforte che non le è permesso nemmeno toccare. La vita della tranquilla cittadina viene però sconvolta dall’occupazione dei nazisti e per Lucille sarà l’inizio di un amore proibito.

Testamenth of Youth, invece, ci porta dall’altro lato della Manica, in un’Inghilterra che sta per essere travolta dal dramma della Grande Guerra. Una storia realmente accaduta, che racconta di Vera Brittain, giovane studentessa presso l’Università di Oxford, che rinvia i suoi studi per prestare servizio come infermiera volontaria a Londra, Malta e in Francia. Una volta tornata a casa dopo aver assistito ai drammi della guerra diventò scrittrice e pacifista.

Tornando indietro di mezzo secolo, sempre nell’isola del Regno Unito si svolge un’altra storia legata a dei personaggi realmente esistiti. Effie Gray: Storia di uno scandalo, è ambientato nella Londra vittoriana del 1840, e narra della prigionia di Eufemia “Effie” Gray (Dakota Fanning) in un matrimonio senza amore con il critico d’arte John Ruskin. A salvarla arriverà però un ancora giovane John Everett Millais (Tom  Sturridge).

Infine, in Via dalla Pazza Folla, nelle sale italiane dal 17 settembre, troviamo Carey Mulligan nei panni di Bathsheba Everdine, protagonista dell’omonimo romanzo di Thomas Hardy. Nell’Inghilterra Vittoriana si svolge la difficile vita amorosa di Bathsheba, donna indipendente che alla morte del ricco zio eredita la sua fortuna, inclusa una grande fattoria a Weatherbury.


CREDITS

Copertina